Tu chi sei?

Identità: Porto / Post / doc sta dando uno spazio importante all '«identità» per una nuova generazione di autori internazionali. Parliamo con il suo direttore, Dario Oliveira.
Truls Lie
Editor-in-chief, Modern Times Review
Data di pubblicazione: 23 novembre 2019
Dario Oliveira in primo piano

Festival del cinema e dei media di Porto / Post / Doc mira a promuovere la cultura cinematografica, proiettando nuove forme di cinema contemporaneo come uno dei produttori del vero festival di Porto, in Portogallo. Con la sua edizione 2019 in programma dal 23 novembre al 1 dicembre, Modern Times Review ha parlato con il direttore del festival, Dario Oliveira.

Il tuo programma «Identities» riflette l'urgenza di parlare di noi?

Presenteremo nuove idee insieme a film unici e discussioni con ospiti speciali:
Prima contro la violenza di qualsiasi tipo, poi sullo stato del cinema, insieme a un'intenzione permanente di creare discussioni sul tema, in quanto intende essere un'osservazione continua su questo impegnativo campo del libero pensiero. Opinioni sia politiche che personali.

Stai chiedendo: cosa c'è che non va nelle nostre società contemporanee, poiché tutti sembrano persi?

Sì, ma anche come la nostra prima identità ci influenza, come le nostre azioni quotidiane ci stanno limitando e allungando verso gli altri. Possiamo dimenticare la nostra identità o provare a trovarne una nuova? Il nostro programma principale fornirà modi di pensare, con film che creano riflessioni più ampie su questo argomento. Un esempio importante è la scoperta di un film rischioso e poetico sull'assenza di memoria sulla Palestina, così chiamato Off Frame AKA Revolution Until Victory di Mohanad Yaqubi.

Sì, lo abbiamo esaminato qui in MTR ora. Che ne dici di usare film più vecchi nel tuo programma?

Questo programma include una selezione di film contemporanei in dialogo con i vecchi
e film perduti, come lo straordinario De Quelques Evenements Sans Signification di Mostafa Derkaoui censurato dal governo del Marocco nel 1975.

Altri esempi sul tema dell'identità?

«Identities» mostrerà una raccolta caleidoscopica di dichiarazioni artistiche e politiche, a volte rivelatorie, a volte dirompenti come il film X&Y di Anna Odell, che costruisce un coraggioso esperimento sociale. I film contribuiranno in un modo molto particolare per costruire una prospettiva più ampia e coerente dei nostri tempi, dei nostri problemi, dei nostri modi di sopravvivere e di come ci relazioniamo con ciascuno ...


Caro lettore. Hai letto 5 articoli questo mese. Potremmo chiederti di supportare MODERN TIMES REVIEW con una corsa sottoscrizione? Sono solo 9 euro trimestrali da leggere e avrai accesso completo a quasi 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche - e ti invieremo le prossime riviste stampate.
(Puoi anche modificare la tua pagina di presentazione connessa)



perché non lasciare un commento?