OLOCAUSTO: Marek Edelman ... E c'era amore nel ghetto non è un resoconto storico, non un insegnamento di fatti. È una bolla bella, gioiosa e dolorosa dei ricordi di un uomo che visse durante l'Olocausto.
Tristen Bakker
Tristen Bakker è documentarista e montatore.
Data di pubblicazione: 2 maggio 2019

Marek Edelman lavorò come fattorino in un ospedale pediatrico durante l'estate del 1942, al tempo della "Grossaktion Warsaw" - il raduno della popolazione ebraica di Varsavia per lo sterminio. Allo stesso tempo, fu anche membro fondatore e comandante della Jewish Combat Organization (ZOB), una delle fazioni della resistenza ebraica. Dopo la guerra, Edelman divenne cardiologo e rimase in Polonia. Marek Edelman ... E c'era amore nel ghetto è un film di saggio basato sul suo libro di memorie con lo stesso nome. È un'opera personale e intima.

Ritratti intimi

Le storie hanno un aspetto visivo personale e intimo attraverso primi piani di volti. La faccia di Marek, che in tutto il film è mostrato nella stessa inquadratura, le facce del popolo ebraico dalle riprese dell'archivio dell'epoca e le riprese di recente rievocazione delle storie di Marek. Tutto questo filmato è interrotto, una tecnica che potrebbe non aver funzionato affatto in quanto le rievocazioni possono dare a un film un aspetto eccessivamente drammatico.

Tuttavia, il nuovo filmato e il filmato di archivio sembrano agire come uno man mano che il film avanza, lavorando insieme per dare un quadro più completo delle persone autentiche e degli eventi descritti.

[ntsu_youtube url = ”https://www.youtube.com/watch?time_continue=7&v=CyYSf9NeZb8

Il nuovo filmato include abiti e altri elementi del passato, ma è girato nel presente, portando i personaggi nella nostra visione attuale e facilitando l'identificazione. I movimenti fluttuanti della videocamera al rallentatore aggiungono un elemento onirico.

«Quello che dico non è vero. Questo è il misticismo che ho visto in tutto », dice Marek. Il lavoro con la fotocamera è davvero una rappresentazione fisica di questa affermazione.

Migliaia di ebrei furono portati attraverso l'Umschlagplatz ogni giorno

Ciò che Marek descrive sono le storie che aveva precedentemente raccontato nel suo libro di memorie: Amore tra persone che conosceva di persona, amici e colleghi, colleghi. Ad esempio, una storia su un abortito incontro sessuale con Dola, che ha trovato intensamente bello, è seguita dalla sua stessa storia di amore e morte. In un'altra storia, la signora Tenenbaum - un'infermiera del suo ospedale - si suicida per lasciare a sua figlia il suo «numero di vita» tanto da renderla intoccabile ai nazisti. In un terzo, un incontro spontaneo tra una ragazza di collegamento e un uomo solitario suscita un amore che irradia da loro così intensamente da risuonare sopra il terrore costante.

[caption id = "attachment_16859 ″ align =" aligncenter "...


Caro lettore. Hai letto 5 articoli questo mese. Potremmo chiederti di supportare MODERN TIMES REVIEW con una corsa sottoscrizione? Sono solo 9 euro trimestrali da leggere e avrai accesso completo a quasi 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche - e ti invieremo le prossime riviste stampate.
(Puoi anche modificare la tua pagina di presentazione connessa)



perché non lasciare un commento?