SORVEGLIANZA: Le autorità statunitensi stanno sparando contro il fondatore di Wikileaks Julian Assange nel tentativo di spaventare altri informatori, afferma il documentario della TV tedesca.
Nick Holdsworth
Nick Holdsworth
Il nostro critico regolare.
Data di pubblicazione: 21 settembre 2020

In questo tempestivo documentario della TV pubblica tedesca, i registi Elena Kuch e Robert Holm sollevano il coperchio sulle straordinarie distanze che gli Stati Uniti stanno per fare Wikileaks fondatore Julian Assange dietro le sbarre.

Tracciando il percorso del controverso giornalista, editore, sostenitore della libera informazione e - alcuni dicono - hacker di computer - negli ultimi dieci anni, il documentario ARD conclude che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti è determinato a vedere Assange estradato negli Stati Uniti, processato, riconosciuto colpevole e condannato fino a 175 anni al solo scopo di inviare un avvertimento ad altri potenziali informatori.

Con accesso esclusivo al fidanzato di Assange, l'avvocato Stella Morris - con cui ha avuto due figli durante il suo periodo in rifugio presso l'ambasciata ecuadoriana a Londra - e altri coinvolti, tra cui suo padre John Shipton, informatore della National Security Agency Edward Snowden, ed ex direttore della CIA Leon Panetta, questo è un pezzo potente e tempestivo di indagini approfondite giornalismo pubblicato sia sulla TV tedesca che in tutto il mondo tramite YouTube proprio nel momento in cui Assange sta subendo un'udienza per l'estradizione a Londra.

Uomini di mezzo

Le accuse centrali del film ...


Caro lettore. Hai già letto una recensione gratuita / leggi un articolo oggi (ma tutte le notizie del settore sono gratuite), quindi torna domani o effettua il login se sei un abbonato? Per 9 euro, avrai pieno accesso a circa 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche e riceverai le prossime riviste stampate.

Accedi