Informazioni

    Le nuove tendenze del documentario taiwanese


    (Tradotto da Inglese di Google Gtranslate)

    In collaborazione con Documenti di Taiwan, Visione della bobina ha realizzato una selezione eccezionale delle più recenti produzioni documentarie, considerando la varietà di temi, stili e ricchezza della scena documentaria taiwanese. Dall'animazione alle pratiche sperimentali e ai ritratti intimi di diversi membri della società, questi sette film hanno offerto una visione migliorata di molto vivaci est asiatico cinematografia.

    This Shore: A Family Story, un film di Tzu-An Wu
    This Shore: A Family Story, un film di Tzu-An Wu

    Solo chi è abbandonato dalla storia sceglierà la geografia

    Questa spiaggia: una storia di famiglia vaga per taiwanesi e United States paesaggi, alla ricerca di racconti perduti e dimenticati dell'espatrio familiare dell'autore. Tzu-an Wu differenzia gli strati di continuità narrativa e storica con attenzione e ponderata ripresa con la combinazione di 16 mm e digitale. La scelta di filmare con due telecamere stilisticamente diverse serve anche a concettualizzare la correlazione tra memoria individuale e collettiva.

    Questo documentario sperimentale si apre con il personaggio immaginario, vestito con abiti tradizionali indigeni taiwanesi, che vaga attraverso un affascinante paesaggio montuoso. La potente rappresentazione allegorica della tradizione popolare, che ci introduce alla singolare storia familiare dell'autore, rappresenta anche il tentativo del regista di un sapiente mosaico stilistico e la riuscita sperimentazione dei generi.

    Il personaggio parla direttamente alla telecamera, aprendo contemporaneamente la vecchia scatola di legno attraverso la quale Tzu-an Wu racconta e, in un certo senso, guidandoci attraverso la storia della sua famiglia, che è una storia di Taiwan durante il Guerra fredda e migrazioni di massa negli Stati Uniti. Tzu-an Wu apre un dialogo con il tema della storia della migrazione dell'Asia orientale negli Stati Uniti e con il suo legame con i destini degli individui in tutto il mondo. Come momento critico, il dettaglio menzionato della storia della famiglia apre una varietà di temi storici cruciali, come le relazioni cino-americane e la lunga posizione ambigua di Taiwan nella sfera geopolitica globale. Metafora di rintracciare le sue radici lontano da casa e molto tempo dopo il viaggio, l'autore è riuscito a trovare il suo linguaggio cinematografico per decifrare il suo background familiare.

    Dall'animazione alle pratiche sperimentali e ai ritratti intimi di diversi membri della società, questi sette film hanno offerto una visione migliore della cinematografia molto vivace dell'Asia orientale.

    A differenza del pensiero di Tzu-an Wu sul periodo della Guerra Fredda, il documentario sono qui Yao-tung Wu rappresenta un'epoca diversa, da un punto di vista documentario più diretto. Il film racconta una storia relativamente sconosciuta sulla scena culturale locale in Taiwan. Più precisamente, sulla piccola compagnia teatrale regionale emersa proprio alla fine del Legge marziale. A Taiwan, la legge marziale è durata fino al 1987. Viene ricordata principalmente come un periodo violento, repressivo e nazionalistico, durante il quale le autorità taiwanesi imprigionarono molti cittadini e la scena culturale e artistica era sotto stretto controllo governativo. Due personaggi principali hanno partecipato al movimento anti-establishment, che ha simbolicamente annunciato una nuova era democratica nella storia di Taiwan. Mentre camminano sulla riva e guardano verso il mare aperto, questi ex protagonisti del movimento rivoluzionario contemplano il loro ruolo nel plasmare il panorama culturale e politico contemporaneo di Taiwan.

    Master Sheng Yen, un film di Chaowei Chang
    Master Sheng Yen, un film di Chaowei Chang

    Animazione e installazione

    Il documentario animato avvincente e intrigante Maestro Sheng Yen di Chao-Wei Chang racconta la storia del Maestro Sheng Yen, il cui impegno sociale e spirituale in 40 anni ha lasciato un segno significativo in Cina, Taiwan, JPe persino negli Stati Uniti. Intervistando diversi studiosi, i suoi studenti, seguaci e amici di tutto il mondo, Chang ha ritratto con attenzione e con attenzione questo influente individuo. Mentre presenta la storia del Maestro attraverso la voce fuori campo, Chang visualizza la sua infanzia, i viaggi e gli incontri attraverso un'animazione delicata piena di toni pastello e serenità generale. Si potrebbe sostenere che la calma, che è stata vista nel montaggio, nelle interviste e nell'animazione, è un modo stilistico per enfatizzare il percorso di vita del Maestro di meditazione e guida spirituale. Inoltre, questo documentario animato è composto da diversi capitoli, ognuno dei quali rappresenta dieci anni nella vita del Maestro. Combinando animazione, interviste classiche, filmati d'archivio e riprese delle città in cui ha vissuto il Maestro, Chao-Wei Chang ha creato un'esperienza cinematografica appagante, creativa e illuminante che getta nuova luce su un importante personaggio pubblico.

    Un'altra forma di documentario sperimentale - Mori di Yu-Hsin Su, contempla la natura attraverso diversi rituali e tradizioni popolari del Giappone. «Mori» in giapponese, con la stessa pronuncia, ha significati molto diversi: può rappresentare o «foresta», «proteggere», o «spirito», che definiscono anche tre capitoli del film. Nel filmare paesaggi diversi e la loro correlazione con una varietà di aspetti culturali, Su si interroga su come siano stati storicamente costruiti e controllati dal punto di vista socio-culturale. È essenziale ricordare che il paesaggio giapponese è presente nell'immaginario taiwanese da un po 'di tempo, più precisamente dall'occupazione giapponese dell'isola alla fine del XIX secolo. Comprendere le dimensioni storiche del paesaggio stesso è un aspetto cruciale della comprensione del lavoro di Yu-Hsin Su. Vedere il paesaggio come un processo e un'entità in costante mutamento e avere in mente la sua dimensione storica apre una varietà di possibilità interpretative quando si contempla la sua influenza storica e politica.

    The Old Man's Party, un film di Tse-yu Lin
    The Old Man's Party, un film di Tse-yu Lin

    L'arte di ritrarre

    Avendo impostato la cinepresa in uno stile classico da cinema d'osservazione, il regista Tse-yu Lin ha realizzato un breve documentario affascinante, onesto e diretto sulla gente comune di Taiwan. La festa dei vecchi si concentra principalmente su alcuni uomini più anziani in una città taiwanese indefinita la cui vita quotidiana consiste nel chiacchierare con amici e vicini mentre si beve e si mangia lentamente in un negozio locale. Questa vita distinta di pensionamento è rappresentato come una regolarità per le strade di Taiwan, poiché in effetti modella il paesaggio urbano nelle sue città densamente popolate. Il protagonista del film di Lin è il già leggendario Cao, il cui tavolo da bere è allestito nel porticato davanti a casa sua da 30 anni. Mentre la città intorno a lui cambia, nuove persone arrivano e le più vecchie se ne vanno lentamente, Cao rimane, guardando i giorni di gloria del suo quartiere svanire. Di fronte a un clima sociale in continua evoluzione, Cao ei suoi compagni mirano a essere ancora visti come parte di una società in continua evoluzione.

    Un altro ritratto molto più feroce e sociopoliticamente complesso - L'uomo cattivo di Yong-Chao Lee, racconta la storia della vita di un giovane violento di Myanmar, il cui discorso casuale sull'uccisione getta nuova luce su uno stile di vita militare non volontario, obbligatorio per tutti i giovani del paese. Molti devono affrontare difficoltà e difficoltà inimmaginabili dopo aver scontato il loro tempo. Al contrario, i meccanismi di comportamento violento e il machismo aggressivo sono aumentati nel corso degli anni, soprattutto con le costanti tensioni politiche nella regione. Il lavoro di Lee è profondamente intimo, senza spazio per la disonestà. Con un profondo senso di giustizia sociale e comprensione da uomo a uomo, questo film ha reso il tema del machismo tossico, dei traumi militari e della violenza che si verificano costantemente ancora più visibile per il pubblico internazionale.

    Grazie per aver letto. Hai letto 29276 recensioni e articoli (oltre alle notizie del settore), quindi potremmo chiederti di prendere in considerazione un sottoscrizione? Per 9 euro, ci sosterrai, avrai accesso a tutte le nostre riviste cartacee online e future - e otterrai la tua pagina del profilo (regista, produttore, festival ...) agli articoli collegati. Ricorda anche che puoi seguirci Facebook o con il nostro newsletter.

    novità del settore

    Nordisk Panorama 2021: i vincitori completiDei 62 cortometraggi e documentari nordici nominati, i membri della giuria e il pubblico del 32° #Nordisk Panorama# hanno...
    IDFA annuncia le prime selezioni 2021 da Guest of Honor e Lifetime Achievements RecipientsIDFA ha appena annunciato i primi film selezionati per la sua 34a edizione, che si terrà dal 17 al 28 novembre il...
    Nordisk Panorama dà il benvenuto a Polish Docs come delegazione del paese ospitePer la seconda volta dal 1994, la #Polonia è stata accolta al Nordisk Panorama Forum. La delegazione #Polish Docs#...
    ARTE: Non puoi mostrare la mia faccia (regia: Knutte Wester)Rifiutati dalla società nelle sue strade controllate dal governo, i rapper anonimi cercano i suoni di Teheran sia per la produzione che per l'ispirazione.
    ISLAN: Seyran Ateş: sesso, rivoluzione e Islam (regia: Nefise Özkal Lorentzen)L'imam Seyran Ateş crede che l'Islam abbia bisogno di una rivoluzione sessuale, che si traduca in Fatwa, proiettili, minacce di morte e protezione della polizia.
    9 / 11: EPICENTRI DI NYC 9/11➔2021½ (regia: Spike Lee)Intrecciando le storie, i ricordi e le intuizioni di coloro che sono stati testimoni oculari delle più grandi sfide di New York, la serie limitata di Spike Lee è un ricco arazzo della New York City nel 21° secolo.
    MEMORIA: 8:15 (regia: JR Heffelfinger)Intrecciando registrazioni audio e video, immagini d'archivio e rievocazioni, un documentario innovativo racconta in prima persona l'attentato di Hiroshima.
    Mistica femminile: riscrivere la narrativa femminile in Terra Femme e SavaIl 20° #DokuFest di quest'anno ha offerto oltre 200 film da tutto il mondo nelle sue 19 sezioni. Queste sezioni...
    CONFLITTO: Babi Yar. Contesto (regia: Sergei Loznitsa)Ricostruire e visualizzare il contesto storico della tragedia di Babi Yar, dove 33,771 ebrei furono massacrati durante l'occupazione tedesca dell'Ucraina.
    - Annuncio pubblicitario -

    Ti potrebbe piacere ancheRELATIVA
    Consigliato a te

    X