CONTROLLO: La determinazione di una comunità che si riunisce in nome della giustizia.
Carmen Gray
Critico cinematografico freelance e collaboratore regolare di Modern Times Review.
Data di pubblicazione: 9 novembre 2019

Esattamente un secolo fa, gli industriali britannici hanno trovato una soluzione sporca per i "piantagrane" che costituivano una minaccia per la loro sfrenata ricerca del profitto: hanno avviato una lista nera segreta e aggiunto i nomi di attivisti e sindacalisti che agitano per migliori condizioni di lavoro. La Lega Economica ha dato ai capi un numero di telefono da chiamare se volevano controllare un potenziale dipendente per qualcosa di diverso dall'obbedienza passiva allo stato e a coloro che supervisionavano i denti delle macchine per fare soldi. È stato sciolto nel 1993 a seguito delle pressioni delle indagini della stampa, ma i suoi file nella lista nera sul settore delle costruzioni sono stati semplicemente trasferiti a una nuova organizzazione, The Consulting Association, gestita dall'ex dipendente della Lega Ian Kerr, per continuare le procedure di verifica. Più di duemila dei suoi file sono stati sequestrati da un'organizzazione per la protezione dei dati nel 2009 e le loro rivelazioni costituiscono la base del documentario Solidarietà . Nelle interviste con un certo numero di lavoratori le cui prospettive di lavoro e vite personali sono state gravemente influenzate da questo obiettivo e sorveglianza clandestini, il direttore Lucy Parker trasmette il pedaggio umano di tali metodi sinistri di controllo sociale.

Effetti a catena

I membri del Gruppo di supporto della lista nera iniziato un decennio fa per una campagna per la giustizia e la verità attraverso un'indagine pubblica, fornire resoconti scioccanti di quanto poco ci è voluto per andare dalla parte sbagliata di quelle assunzioni e licenziamenti. Qualsiasi gesto di simpatia per cause non moderate, non importa quanto minore, potrebbe procurarti un fascicolo, per non parlare di qualsiasi motivo legittimo di attenzione alla salute e alla sicurezza. Un lavoratore che si è lamentato dell'amianto è stato licenziato il giorno successivo e le sue informazioni sono state redatte. Un ex militare che ha scritto una lettera al suo consiglio locale elogiandolo per aver assegnato a Nelson Mandela una medaglia per la libertà è stato messo in lista per i suoi sforzi (il razzismo istituzionalizzato ha anche guidato le azioni ritenute sospette). Una selezionatrice si legge descritta come un "brutto pezzo di lavoro" nel suo dossier e afferma che il comportamento attribuito a lei è stato esagerato o fabbricato. Un altro lavoratore ricorda un collega di Jubilee Line Extension a Londra il cui morale era talmente basso da impiccarsi. I lavoratori nella lista nera avrebbero lottato per rimanere a galla finanziariamente, dovendo trovare lavoro per alcune settimane alla volta che nessun altro voleva fare. La loro capacità di provvedere alle loro famiglie ostacolate in quella che era già un'industria molto precaria, in cui si poteva licenziare senza preavviso, ebbe un effetto a catena sullo stress e sui rapporti coniugali. Senza trasparenza, i membri del sindacato vittime furono accusati di essere semplicemente paranoici.

Lo spionaggio e l'inganno della polizia potrebbero essere pervasivi e distruggere la vita.

Solidarietà, quindi, raccoglie potenti testimonianze del danno collaterale inflitto a coloro il cui lavoro sostiene il capitalismo di classe. Offre anche un ritratto piuttosto agghiacciante di come lo sfruttamento non etico e la crudeltà possano prosperare attraverso burocrati inconsapevoli, ineccepibili che eseguono istruzioni senza dubbio. Una buona parte del film ci porta all'interno di un'audizione parlamentare in cui viene grigliato il compilatore di file Kerr. Inarticolato e apparentemente sopraffatto quando pressato sulle implicazioni morali delle sue attività, afferma di non aver interpretato le informazioni che gli erano state date per registrare. «Avresti potuto chiamarmi come l'orologio parlante, in un certo senso», dice, in un confronto che riassume involontariamente la natura robotica e disumana del lavoro sciolto dalla coscienza e dalla responsabilità sociale - il tipo di uomo sì passivo che le autorità apprezzano .

«Difficoltà politica»

Un'altra dimensione sinistra di questa sorveglianza è stata la stretta collaborazione e lo scambio di informazioni verificatesi tra la Consulting Association, la polizia e i servizi di sicurezza. L'organizzazione ha tenuto note sul "problem solving politico" e su quello relativo all'azione industriale, monitorando anche la partecipazione dei lavoratori alle manifestazioni e legami amichevoli con gli attivisti. Lo spionaggio e l'inganno della polizia potrebbero essere pervasivi e distruggere la vita. Una rappresentante sindacale con amici coinvolti in campagne contro il razzismo racconta come è stata attirata in una relazione sessuale lunga anni con un poliziotto sotto copertura che si presentava come un'attivista e la trascinava in una vorticosa storia d'amore, imitando ciò che voleva sentire, prima scomparendo, lasciandola con una frantumata capacità di fidarsi e il senso di aver avuto una relazione con un fantasma. Non è affatto l'unica con una storia simile da raccontare: è in corso un'inchiesta di polizia sotto copertura, i cui risultati dovrebbero essere compilati in un rapporto entro il 2023.

Solidarity, un film di Lucy Parker

Mentre molte delle storie che ascoltiamo Solidarietà risalgono a decenni fa, il film ci porta in un incontro intersettoriale di oggi con dipendenti scontenti (la società di consegna di cibo online Deliveroo, i cui lavoratori non hanno diritto a rappresentanti sindacali e possono essere licenziati in qualsiasi momento, e Picturehouse Cinemas, che falliscono per pagare uno stipendio a tutto il personale, sono due delle numerose aziende le cui pratiche sono chiamate qui). Questi ambienti ostili, esacerbati da industrie sempre più disinvolte, mostrano che la battaglia per l'equità sul posto di lavoro è uno dei terreni in continua evoluzione che richiede una vigilanza costante e non è mai vinta del tutto.


Caro lettore. Puoi ancora leggere 2 articoli gratuiti questo mese. Per favore registrati per sottoscrizioneo accedi di seguito se ne hai uno.


Siamo dentro MODERN TIMES REVIEW ha bisogno del tuo supporto per andare avanti. Sono solo 9 euro trimestrali da leggere e avrai pieno accesso a quasi 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche - e ti invieremo le prossime riviste stampate.



perché non lasciare un commento?