Informazioni

    Riprese su Kundera

    Il secondo fine settimana di settembre volgeva al termine e ci salutavamo con Milan Kundera e sua moglie Věra, una donna vivace, che gestisce non solo la loro famiglia, ma anche l'intera agenda editoriale e lavorativa dello scrittore. Si è presa molta cura di suo marito. In piedi sulla soglia dell'ascensore, mi ha dato il suo ultimo consiglio: «Non fare un casino». E prima che la porta si chiudesse, ho sentito Milan Kundera dire: «Questi ragazzi sono stati davvero simpatici!»

    Mi ha fatto piacere sentire che - il bravo ragazzo in me ha conquistato il mio documentarista interno «bulldog» e «combattente» che sperava di catturare, anche con una telecamera nascosta, forse l'ultima foto di Milan Kundera. Invece di filmati così sensazionali, ho scelto di rispettare la loro motivazione e la loro privacy, che hanno aperto la porta non solo al loro appartamento.

    Il sentiero che conduceva alla porta di Milan Kundera era, infatti, piuttosto ventoso. Quando ho viaggiato in Germania occidentale, poco prima del Rivoluzione di velluto, Ho incontrato due persone sul treno che stavano leggendo L'insostenibile leggerezza dell'essere. Le librerie tedesche offrivano solo libri di Jaroslav Hašek, Václav Havel e Milan Kundera nella sezione ceca. Avevo letto il suo Lo scherzo e gli amori risibili e ricordo che le mie compagne di classe erano affascinate dalle storie di Kundera e spesso erano impegnate in lunghe discussioni sui suoi libri. A poco a poco ho anche imparato ad amare i suoi scritti e ho cercato di entrare in possesso dei suoi romanzi attraverso gli editori del '68.

    Riprese di Brno
    Riprese del documentario a Brno con Milan Uhde (a destra) e il regista Miloslav Šmídmajer (al centro). Foto di Jakub Jíra

    Dopo la rivoluzione, regista Miloš Forman - il protagonista del mio debutto cinematografico Tieni stretto quel sogno (1990) - mi ha messo in contatto con Milan Kundera (Forman era stato uno studente di Kundera al FAMU ei due si stavano ancora incontrando a Parigi). Ho contattato Kundera con la proposta di girare un documentario su di lui. Ha risposto che non rilasciava più interviste e che da diversi anni evitava l'attenzione dei media e le apparizioni pubbliche. Purtroppo, ho dovuto rispettarlo.

    Un paio di anni fa, ho sentito quanto fosse impossibile avvicinarsi a Kundera e fare un film su di lui e che semplicemente non c'è modo di creare un documentario su di lui - fine della discussione. Ho attribuito questo al tipico scetticismo ceco, perché dalla mia esperienza personale ho incontrato diverse figure di spicco del mondo culturale tra cui Miloš Forman, Miroslav Ondříček che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana per poi Saul Zaentz, era molto più facile parlare con persone di meno successo che avevano costantemente bisogno di dimostrare se stesse e la loro posizione speciale. Devi solo trovare un modo per parlare con loro.

    Kundera nelle Pleiadi

    Ho deciso di fare un tentativo perché conoscevo i romanzi di Kundera e molti testi scritti sul suo lavoro e mi è venuta l'idea di un film documentario che speravo fosse fattibile anche se avessimo dovuto bastare con le teste parlanti degli studiosi di letteratura . Circolano leggende sulla vita privata di Kundera e c'erano molte domande sul motivo per cui rimase in silenzio su argomenti specifici, sul perché si oppose alla pubblicazione dei suoi testi francesi in ceco e su quale fosse il suo rapporto reale con Repubblica Ceca. Il mio scopo principale era cercare di definire cosa rendesse i suoi testi così rinomati e acclamati in tutto il mondo e perché anche i venditori di libri esclusivi includessero Kundera tra gli autori francesi. Le sue opere raccolte sono state pubblicate nelle Pleiadi, una monumentale raccolta editoriale che comprende principalmente le opere complete di autori francesi tardivi. Tuttavia, i testi di Kundera sono stati presentati come parte di questa prestigiosa edizione due volte e ancora durante la sua vita!

    Alain Finkielkraut
    Alain Finkielkraut. Foto di Martin Čech

    Mi interessava principalmente il lavoro di Milan Kundera e poiché non era chiaro a quel punto chi apparirà nel documentario, ho aggiunto una trama fittizia di un giovane giornalista che chiede al suo capo un'altra possibilità. "Una possibilità in più?" esclama il redattore capo. «Va bene, fatti intervistare Milan Kundera. - Ma Kundera non parla con i media da trent'anni! - Questa è la tua ultima possibilità, vai a prenderla! »

    Il film segue questo giovane montatore che va a caccia di contatti e incontra gli amici di Kundera che gli sono rimasti vicini negli anni.

    Da Gallimard a Yasmina Reza

    Molti di loro li abbiamo incontrati tramite lo sceneggiatore esperto di Brno Jaroslav Kravka. Ed è grazie a lui che il nostro documentario presenta esperti così brillanti come Milano Uhde, Tomáš Kubíček, Mojmír Jeřábek, Sylvie Richterová, Studente di Kundera al FAMU Karel Fuksa, così come Tomáš Sedláček, redattore e collaboratore di lunga data della Radio Ceca di Brno e anche autore dell'unica intervista radiofonica ceca con Milan Kundera e sua moglie Věra registrata dopo la rivoluzione. Abbiamo anche visitato Stanislav Mosa, Romano Onderka, che ha concesso a Milan Kundera la cittadinanza onoraria di Brno, e l'insegnante di francese di Kundera, la signora Vostrá.

    Milan Uhde ci guida attraverso la vita e il lavoro di Kundera in prima Cecoslovacchia, insieme ad un altro studente di Kundera al FAMU, Karel Steigerwald. Sono accompagnati da un brillante storico letterario Jiří Brabec - un ex collega di poeta Jaroslav Seifert e docente alla Facoltà di Filosofia di Praga - e attore Jiří Bartoška, associato per decenni al ruolo di Jacques nella commedia di Kundera Jacques e il suo maestro. Purtroppo, a causa della loro vecchiaia, non ho potuto inserire interviste ai registi Antonin Kachlík, AJ Liehm e Zdeněk Kaloč. Eravamo perfettamente consapevoli che la maggior parte delle persone dei circoli di Kundera erano circa ottanta o novanta e quel tempo stava per scadere. Ad esempio, quando stavamo girando con Tomáš Sedláček nell'autunno 2018 era in gran forma ma con nostro grande dispiacere è morto solo un anno dopo. Le riprese sono state ostacolate anche a causa della televisione ceca interessata alla co-produzione del film, ma l'argomento non è entrato nell'agenda del suo programma fino a due anni dopo, nel giugno 2020.

    In effetti, la maggior parte di queste persone ha menzionato il nostro documentario ai Kundera durante le loro frequenti telefonate. E devono essere stati davvero gentili nei loro riferimenti perché un giorno ho ricevuto il numero di telefono di Věra. Mi ha detto che girare con il Milan era fuori discussione e che non potevo contarci ma ci ha indirizzati a grandi nomi tra cui l'editore Antoine Gallimard, lo sceneggiatore Jean-Claude Carrière, la drammaturga Yasmina Reza, l'attore Nicolas Briançon, i filosofi Alain Finkielkraut e Bernard-Henri Lévy, scrittore Jean-Paul Enthoven, studioso di letteratura Guy Scarpetta e giornalista Firenze Noiville da Le Monde, i cui appartamenti e uffici abbiamo visitato con la nostra troupe cinematografica. Tutti hanno condiviso le loro storie personali, intuizioni e passione per Kundera.

    Alain Finkielkraut
    Riprese a Brno. Foto di Jakub Jíra

    Siamo riusciti a catturare così tante riprese esclusive che non c'era più bisogno di una trama "passaparola" con un montatore fittizio. Tuttavia, il giovane protagonista era presente durante la maggior parte delle interviste registrate e fa anche domande. Quindi abbiamo mantenuto la sua parte ma lo abbiamo inserito in un contesto leggermente diverso e più conciso. L'effetto delle "teste parlanti" è compensato dal concetto visivo del film, dalla ricca documentazione, dai fatti interessanti e dall'intuizione dei relatori. E sono felice per la scelta di un formato widescreen che dia al documentario un tocco più «cinematografico».

    Come Kundera ha bruciato il pranzo

    Quello che manca al nostro film sono le scene di famiglia, le discussioni tra Milano e Věra sulle traduzioni e la versione ceca del suo ultimo romanzo Il Festival di Insignificance, così come il tipico umorismo ceco presente nella loro casa. Milan Kundera ha ancora un accento moravo e talvolta risponde in ceco anche ai francesi. Saluta i visitatori cechi con una scintilla di gioia negli occhi. Sarei davvero più che felice di poter registrare almeno una delle nostre conversazioni telefoniche. Con Věra, una volta abbiamo organizzato una telefonata all'una del pomeriggio, ma a quell'ora stava preparando il pranzo. Ha detto al Milan di assicurarsi che la salsa non si bruciasse e gli stava dando istruzioni durante la chiamata. Ma sfortunatamente, la nostra intervista è finita venti minuti dopo che lei è tornata in cucina solo per scoprire che Milan stava mescolando la pentola sbagliata.

    Come una scena di una commedia: entrambi ridevano della situazione, riferendosi ai film di Fellini e dicendo che Federico sarebbe stato l'unico regista autorizzato ad adattare Il Festival dell'insignificanza per il grande schermo. Quando ho riattaccato, sapevo che la registrazione della chiamata sarebbe stata una sensazione. E mi sono detto che sarò pronto a visitare Parigi mese per mese e forse sarò fortunato. Ma la stessa settimana Milan Kundera si è rotto il femore in tre punti, ha subito un complicato intervento chirurgico in anestesia generale seguito da un lungo recupero durante il quale non ha potuto usare le gambe e uscire di casa, che ha messo fine a tutti i piani.

    Sapevo che quando vado a trovarli a Parigi, devo portare il pranzo - per compensare quello che si è rovinato durante la nostra telefonata. Ho scoperto che entrambi adorano i wafer della spa e quindi con la mia troupe cinematografica ne abbiamo avuto un intero stack. Non ho filmati di Milan Kundera e sua moglie Věra, solo ricordi di incontri amichevoli davanti a una tazza di caffè o un bicchiere di vino. E sono grato per loro e spero davvero di non «rovinare tutto» come consigliato da Věra. E credo che il nostro film aiuterà a dissipare molti dei miti su suo marito Milan Kundera.

    Questo articolo è apparso per la prima volta in dok.revue, l'unica rivista ceca sui film documentari.

    novità del settore

    Nordisk Panorama 2021: i vincitori completiDei 62 cortometraggi e documentari nordici nominati, i membri della giuria e il pubblico del 32° #Nordisk Panorama# hanno...
    IDFA annuncia le prime selezioni 2021 da Guest of Honor e Lifetime Achievements RecipientsIDFA ha appena annunciato i primi film selezionati per la sua 34a edizione, che si terrà dal 17 al 28 novembre il...
    Nordisk Panorama dà il benvenuto a Polish Docs come delegazione del paese ospitePer la seconda volta dal 1994, la #Polonia è stata accolta al Nordisk Panorama Forum. La delegazione #Polish Docs#...
    ARTE: Non puoi mostrare la mia faccia (regia: Knutte Wester)Rifiutati dalla società nelle sue strade controllate dal governo, i rapper anonimi cercano i suoni di Teheran sia per la produzione che per l'ispirazione.
    ISLAN: Seyran Ateş: sesso, rivoluzione e Islam (regia: Nefise Özkal Lorentzen)L'imam Seyran Ateş crede che l'Islam abbia bisogno di una rivoluzione sessuale, che si traduca in Fatwa, proiettili, minacce di morte e protezione della polizia.
    9 / 11: EPICENTRI DI NYC 9/11➔2021½ (regia: Spike Lee)Intrecciando le storie, i ricordi e le intuizioni di coloro che sono stati testimoni oculari delle più grandi sfide di New York, la serie limitata di Spike Lee è un ricco arazzo della New York City nel 21° secolo.
    MEMORIA: 8:15 (regia: JR Heffelfinger)Intrecciando registrazioni audio e video, immagini d'archivio e rievocazioni, un documentario innovativo racconta in prima persona l'attentato di Hiroshima.
    Mistica femminile: riscrivere la narrativa femminile in Terra Femme e SavaIl 20° #DokuFest di quest'anno ha offerto oltre 200 film da tutto il mondo nelle sue 19 sezioni. Queste sezioni...
    CONFLITTO: Babi Yar. Contesto (regia: Sergei Loznitsa)Ricostruire e visualizzare il contesto storico della tragedia di Babi Yar, dove 33,771 ebrei furono massacrati durante l'occupazione tedesca dell'Ucraina.
    - Annuncio pubblicitario -

    Ti potrebbe piacere ancheRELATIVA
    Consigliato a te

    X