CAMBIAMENTO CLIMATICO: La musicista malese Inna Modja intraprende un viaggio epico lungo l'ambizioso progetto della Grande Muraglia verde dell'Africa in cui 8,000 km di mura di alberi si estendono su tutto il continente.
Carmen Gray
Critico cinematografico freelance e collaboratore regolare di Modern Times Review.
Data di pubblicazione: 1 settembre 2019

«Tutta la nostra speranza è nella pioggia», afferma un contadino La Grande Muraglia Verde. Per 27 anni, ha lavorato la terra in Senegal, ma a causa della crescente siccità e della desertificazione, i raccolti stanno diminuendo. La regione semi-arida del Sahel in Africa, una cintura sotto il Sahara che si estende attraverso il continente, è in prima linea cambiamento climatico, il suo degrado che guida la scarsità di risorse, la migrazione di massa e il conflitto. I giovani si stanno rivolgendo a un nuovo mantra: «Vai in Europa o muori provandoci.»

Molti preferiscono rischiare il viaggio estremamente pericoloso Libia sulla prospettiva di un futuro senza nulla da mangiare per le loro famiglie. Il documentario, che ha la sua prima mondiale a Festival di Venezia, delinea una terza opzione per la fame o l'esilio, una che dipende dall'azione collettiva. Il Grande Muraglia Verde è un'iniziativa dell'Unione Africana Pan-nazionale per ripiantare gli alberi, creando un mosaico di terre restaurate per combattere gli effetti della crisi ambientale.

Jared P. Scott è associato come regista di La Grande Muraglia Verde, ma il vero volto del film è musicista e attivista nato in Mali Inna Modja. Ci uniamo a lei mentre percorre il viaggio di 8,000 chilometri attraverso la regione dal Senegal al Etiopia. Il suo obiettivo è quello di collaborare con i musicisti lungo il percorso, creando un album che incorpora le tradizioni culturali della regione, che raccoglierà fondi per i progetti della Grande Muraglia Verde. La Convenzione delle Nazioni Unite per la lotta alla desertificazione è un sostenitore e Città di Dio il regista Fernando Meirelles è il produttore esecutivo. È una spinta multimediale ben confezionata per mettere in evidenza il ...


Caro lettore. Hai letto 5 articoli questo mese. Potremmo chiederti di supportare MODERN TIMES REVIEW con una corsa sottoscrizione? Sono solo 9 euro trimestrali da leggere e avrai accesso completo a quasi 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche - e ti invieremo le prossime riviste stampate.
(Puoi anche modificare la tua pagina di presentazione connessa)



perché non lasciare un commento?