ABUSO: In un radicale esperimento psicosociale, viene scoperto l'ambito dell'abuso di minori online nella Repubblica Ceca.
Carmen Gray
Critico cinematografico freelance e collaboratore regolare di Modern Times Review.
Data di pubblicazione: 10 marzo 2020

Nei suoi primi tempi più halcyon, il Internet è stato accolto nelle famiglie per le sue possibilità utopiche. Una serie costantemente aggiornata di informazioni ricercabili rese un'enciclopedia rilegata rende quasi obsoleti; e-mail e social media hanno promesso di collegare i cittadini del mondo, non più suddivisi in tribù per distanza fisica, in una maggiore comprensione culturale. Nella corsa dell'entusiasmo, la vecchia verità è stata sospesa, che gli strumenti sono illuminati solo quanto i loro utenti. Recessi più oscuri della vita in rete, da allora è emersa, sono molteplici. La forma presumibilmente benigna ma aggressivamente vocale della sorveglianza tra pari dei social media, che ha appiattito la complessità delle interazioni umane, e il privato, una volta inaccessibile agli estranei, possono sentirsi meno isolati. Chiunque può «scivolare nei tuoi DM» con la volgarità del quasi anonimato, nascondendosi dietro uno schermo. Gli elementi dubbiosi, persino malvagi della società, possono cercarsi l'un l'altro in modo più efficiente, non controllato e invisibile, e costruire sotto-comunità; possono anche trovare rotte dirette verso i vulnerabili, nel mezzo di un diluvio di traffico virtuale e non regolamentato.

abuso di minori online-documentario-MTR-post1
Caught in the Net, un film di Vít Klusák e Barbora Chalupová

Abusi eclatanti

Il documentarista ceco Vit Klusák ha toccato il modo in cui Internet può essere sfruttato da personalità meno edificanti nel suo precedente documentario, Il mondo bianco secondo Daliborek. Descriveva la vita quotidiana di un sfortunato, di mezza età neonazista, vivendo in una piccola città Moravia con sua madre fumatrice di catene. Risentita dopo aver trovato un fidanzato attraverso un sito di incontri online, si addentra profondamente nel nazionalismo come hobbista da camera da letto, realizzando e postando canzoni e video bigotti su Youtube. L'ultima funzionalità di Klusák Catturato nella rete, co-diretto con Barbora Chalupová, che proietta a CPH: DOX a Copenaghen, si confronta con gli abusi più eclatanti della connettività online. Definito un "esperimento psicosociale", è ...


Caro lettore. Hai letto 5 articoli questo mese. Potremmo chiederti di supportare MODERN TIMES REVIEW con una corsa sottoscrizione? Sono solo 9 euro trimestrali da leggere e avrai accesso completo a quasi 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche - e ti invieremo le prossime riviste stampate.
(Puoi anche modificare la tua pagina di presentazione connessa)



perché non lasciare un commento?