Informazioni

    Phie Ambo: L'arte come attivismo. L'attivismo come arte

    Domenica 19 settembre, terzo giorno di Panorama di Nordisk 2021, una masterclass con il regista e attivista danese Phie Ambo si è verificato nell'ambito degli eventi di mercato del settore del festival. Il film più recente di Ambo, incentrato sull'attivista per il clima 70 / 30, aveva debuttato quest'anno CPH: DOX come film d'apertura. Tuttavia, la sua intera filmografia ventennale colloca Ambo come attivista e regista intersezionale.

    aver vinto IDFA mentre era ancora alla scuola di cinema (Per la Famiglia 2001), l'approccio poetico e personale di Ambo è stato stabilito in questa pietra miliare di inizio carriera. Il lavoro successivo si è basato su esplorazioni intime della condizione umana, trovando storie all'interno di questioni complesse ovunque da scienza a sostenibilità, nutrizione a coscienza.

    Amanti del giardino, un film di Virpi Suutari
    Amanti del giardino, un film di Virpi Suutari

    Al Nordisk Panorama, Ambo è stata invitata a parlare per una masterclass di 1,5 ore sul suo approccio al cinema e sul bilanciamento dell'attivismo al suo interno. Intitolato «Art as Activism – activism as art», e moderato dal co-programmatore di documentari Cecilia Lidin, l'evento ha integrato una retrospettiva dedicata di tre film. Quei tre film, i suddetti 70 / 30e 2007 amore meccanico E 2017 …Quando distogli lo sguardo, gettare le basi della discussione. Tuttavia, sono stati i progetti al di fuori della retrospettiva a far parlare veramente di sé.

    «Non esiste una cosa come la libertà artistica»

    L'evento generale è iniziato con Ambo che discuteva della sua affinità per il documentario finlandese del 2014 Amanti del giardino (dir. Virpi Suutari). In particolare, Ambo ha spiegato la sua affinità per questo film in termini di posto all'interno della traiettoria dei documentari finlandesi, dove la maggior parte era basata sul reportage. Insieme a Amanti del giardino, il regista agisce come un narratore soggettivo, inquadrando con un piano: il film è messo in scena. Tuttavia, è vivo e, quindi, consente al pubblico di leggere il film in modo indipendente.

    Da lì, la discussione si è spostata sul triplice approccio di Ambo al cinema come documentarista con interessi attivisti. I tre punti che guidano il suo lavoro sono:

    • Obbligo artistico: essere obbligato a creare qualcosa attorno a un problema che sta accadendo nel mondo in questo momento
    • Pretendere qualcosa dal pubblico – partecipazione e dibattito inclusi
    • Mantenere la sostenibilità come metodo di lavoro

    Questi tre principi etici permeati in tutto il mondo presentati. Dopo Per la Famiglia, c'era la trilogia di film sull'emozione, la memoria e la coscienza (amore meccanico, Libera la tua mente, ….Quando distogli lo sguardo, rispettivamente). Usando questi tre film come esempi, Lidin e Ambo hanno discusso una varietà di argomenti tra cui l'inclusione di esperti, la loro mancanza, o il bilanciamento delle competenze tradizionali con le nozioni e le opinioni di altri su un determinato argomento («Credo profondamente che siamo tutti esperti nel nostro propri campi»).

    ...Quando guardi lontano, un film di Phie Ambo
    …Quando guardi lontano, un film di Phie Ambo

    Per di più, …Quando distogli lo sguardo è stato il catalizzatore di una discussione sui metodi di ricerca nel documentario. Come si trovano i soggetti? («Puoi andare in luoghi dove è probabile incontrare dei soggetti, ma non è garantito»). Questi soggetti, e l'approccio del salto di fede legato alla loro ricerca, sono ulteriormente esacerbati dall'approccio no contract di Ambo («Le persone tendono a non aprirsi quando hanno firmato un contratto in anticipo»).

    Suoni del suolo, un film di Phie Ambo
    Suoni del suolo, un film di Phie Ambo

    I film Suoni dal suolo (2014), e Le cose buone ti aspettano (2014). Ciò significava non più viaggi in aereo, limitando così la possibilità di dove i progetti potevano essere girati. I primi due film sono stati infine girati nella stessa regione, con Suoni del suolo agendo come più una meditazione sullo spazio e sul silenzio e Le cose buone ti aspettano un'osservazione più tradizionale su biodinamica agricoltura.

    «Non esiste una cosa come la libertà artistica. Sei sempre limitato dal denaro, dalla geografia, ecc.», conclude Ambo la masterclass. In questa mentalità, l'approccio etico alla fine distingue un artista come attivista dall'artista come artista solo.

    Immagine in evidenza: Maurice Wolf

    Steve Rickinson
    Communications Manager presso Modern Times Review.

    Ultime notizie

    X