COMUNITÀ: All'ombra di Las Vegas, le persone reali, in una situazione irreale, affrontano un futuro incerto.
Carmen Gray
Critico cinematografico freelance e collaboratore regolare di Modern Times Review.
Data di pubblicazione: 23 marzo 2020
Naso sanguinante, tasche vuote
Paese: USA


Alcuni sostengono che negli ultimi tempi la nostalgia per le epoche culturali passate si sia accelerata; che un decennio finisce a malapena prima di riciclare le sue mode. Anche così, è una scossa sentirsi annebbiati per i tempi del cinema di una quindicina di giorni fa, quando il Berlinale era in pieno flusso frenetico e il Coronavirus, già tristemente devastando Central Cina, aveva iniziato a registrarsi sui radar della maggior parte dei partecipanti, ma non aveva ancora chiuso festival e teatri come luoghi di ritrovo fisici in molte parti del globo. Quel compiacimento occidentale non durò a lungo. Con la selvaggia incertezza prevalente su quanto durerà la pandemia e la sua rottura alla normalità, i festival deragliati hanno provvisoriamente riprogrammato le date, con fragili speranze piuttosto che con fiducia.

Annullamenti e rinvii

Cannes ha previsto la fine di giugno come potenziale alternativa. Israele Docaviv e la Repubblica Ceca Finále Plzeň hanno scelto nuove slot per settembre, e altre, tra cui Salonicco, hanno rinviato a una data ancora indecisa. C'è anche il bisogno di trovare modelli alternativi con cui i festival fuori sede possano ancora accadere proprio ora; per portare i loro programmi al pubblico che ha bisogno della capacità del cinema di espandere i mondi più che mai mentre la vita quotidiana si riduce al divano di quarantena domestico e nelle sue immediate vicinanze, e di trovare una casa per le lunghe ore di lavoro creativo che sono state avviate proprio come il teatro le tende stavano per aprirsi. Ha perfettamente senso, quindi, che alcuni festival, come quello danese CPH: DOX e della Svizzera Visions du Reel, hanno spostato i loro festival online, con il pubblico dei loro paesi (e in alcuni casi più lontano) in grado di trasmettere le selezioni.

Alcuni sostengono che negli ultimi tempi la nostalgia per le epoche culturali passate si sia accelerata; che un decennio a malapena ...


Caro lettore. Hai letto 5 articoli questo mese. Potremmo chiederti di supportare MODERN TIMES REVIEW con una corsa sottoscrizione? Sono solo 9 euro trimestrali da leggere e avrai accesso completo a quasi 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche - e ti invieremo le prossime riviste stampate.
(Puoi anche modificare la tua pagina di presentazione connessa)