Più

    Contemplando la convivenza umana con la biodiversità

    URBANIZZAZIONE: Mentre gli esseri umani trasformano incessantemente i paesaggi in base alle loro esigenze, sorge la domanda: è possibile una coesistenza pacifica con altre specie?

    I venti forti e costanti raccolgono granelli di sabbia solo per disperderli nel paesaggio mentre l'aria cade. Dissolvenza al nero. Ci troviamo in una duna, con veicoli fuoristrada che attraversano il terreno per l'allegria degli spettatori e dei loro. Il rumore dei motori che si avviano affoga il cinguettio degli uccelli. La luce calda inonda il paesaggio, e una volta che la duna è deserta, il rumore prodotto dall'uomo finalmente si attenua, lasciando tracce di pneumatici nella sabbia, se non altro per ricordare la recente presenza umana.

    La scena dà il tono al documentario intitolato Nest che si riflette sulla convivenza dell'uomo con altre specie. Girato dentro e intorno alla città costiera cilena di Concón, lo fa attraverso immagini che sono alleggerite. . .

    Caro lettore. Per continuare a leggere, crea il tuo account gratuito con la tua email,
    or accesso se sei già registrato (fare clic su password dimenticata, se non in una nostra e-mail).
    A sottoscrizione costa solo 9€ 🙂

    Sevara Pan
    Giornalista e critico cinematografico.
    Il 24° Festival del documentario di Salonicco annuncia le attività di Agora Docs e le scadenze per la presentazioneAgora Docs torna per il prossimo 24° Festival del documentario di Salonicco, che si terrà dal 10 al 20 marzo 2022. #Agora Docs# stesso...
    IDFA 2021: i vincitori completiLa 34a edizione #IDFA ha annunciato i vincitori dei programmi del concorso durante la cerimonia di premiazione IDFA 2021. La cerimonia...
    ChileDoc scende su IDFA con una selezione diversificata di produzioni cileneIl 34° Festival Internazionale del Documentario di Amsterdam prende il via dal 17 al 28 novembre 2021. Con l'industria mondiale del documentario...
    CONFLITTO: La nostra memoria ci appartiene (regia: Rami Farah)Come si sopravvive in tempo di guerra? Dimenticando o ricordando...?
    AMBIENTE: Medusa (regia: Chloé Malcotti)Come le attività chimiche belghe hanno portato prosperità e inquinamento in un villaggio costiero italiano.
    GIUSTIZIA: Giudici sotto pressione (regia: Kacper Lisowski)L'incubo populista della Polonia visto attraverso la pressione senza precedenti dei giudici è ora sottoposto a uno stato dell'UE che sta rapidamente diventando un paria.
    BEIRUT: Polpo (regia: Karim Kassem)L'immobilità e la rinascita costituiscono una premurosa testimonianza delle conseguenze della potente esplosione di Beirut.
    CONFLITTO: Oscurità lì e niente di più (regia: Tea Tupajic)La ricerca di risposte di una donna bosniaca in un teatro buio.
    CINEMA: La storia della guerra civile (regia: Dziga Vertov)Pensato perduto per sempre, l'archivio del 1921 sulla guerra civile russa di Dziga Vertov debutta finalmente al pubblico 100 anni dopo.
    - Annuncio pubblicitario -

    Ti potrebbe piacere ancheRELATIVA
    Consigliato a te

    X