CINEMA: Un nuovo documentario cerca di dare un'idea e il merito a quegli eroi sconosciuti responsabili del suono del cinema contemporaneo così come lo conosciamo.
Steve Rickinson
Steve è il responsabile delle comunicazioni per Modern Times review. Ha sede ad Amsterdam.
Data di pubblicazione: 11 novembre 2019

Sin dagli inizi del cinema, la comprensione e il riconoscimento del suono del film sono stati spesso oscurati dalla sua controparte visiva. Con Making Waves: The Art of Cinematic Sound (proiettato a DokuArts 2019), il regista e coproduttore Midge Costin cerca di correggere questo male, informando lungo la strada, con un documentario completo e divertente che ripercorre sia la storia del sound design, sia fornendo una ripartizione informativa delle squadre che compongono la finale di un film uscita audio - The Circle of Talent.

L'attuale Cattedra di Sound Design presso l'Università della California del Sud (USC) e con una carriera decennale a Hollywood (crediti includono Crimson Tide, Giorni di tuono, Armageddon e Hocus Pocus), Costin è in grado di raccogliere una collezione di rinomata fama di registi e sound designer di spicco per fornire approfondimenti e contesto sull'argomento. La regia di titani come Steven Spielberg, George Lucas, Ang Lee, Ryan Coogler, Robert Redford, David Lynch, Barbara Streisand e Sofia Coppola si unisce a un who's who di cinemai più importanti professionisti del suono nel condividere esperienze di prima mano dal set di alcuni dei momenti cinematografici più profondi del suono.

Le basi di Fare ondate gestire la semplice idea che il suono e lo storytelling siano sempre stati strettamente correlati. Fin dai primi momenti della vita, il suono agisce come il senso principale a cui noi, come umani, siamo cognitivi. Quindi, un aspetto vitale della nostra relazione psicologica con il cinema. Crescendo da questa tesi centrale, Fare ondate quindi segue una traiettoria lineare nel suo caso, fermandosi ad alcuni dei momenti più noti, amati e fondamentali del cinema nella storia del suono.

Un nuovo ruggito

La prima metà del film tratta della storia del sound design e delle tecniche di registrazione. Naturalmente, questo inizia con Il cantante di jazz e l'inizio del suono cinematografico, incluso Tarzan e The Tin Man. Tra questi c'è anche l'approccio rivoluzionario di Murray Spivack, che la ribellione contro il suono stock ha prodotto i ruggiti innovativi degli anni '1939 King Kong.

un who's who dei più importanti professionisti del suono del cinema nel condividere esperienze di prima mano dal set di alcuni dei momenti cinematografici più spartiacque.

Muovendosi attraverso gli anni, da Citizen Kane e le sue La guerra dei mondi ispirato realismo radiofonico, a La matrice e le palette sonore digitali di Pixar, Fare ondate fa il suo caso offrendo determinate cifre allo stato strumentale all'interno del campo. Tra questi, forse il padrino del suono cinematografico, Walter Murch, che collabora con Francis Ford Copolla a film come The Conversation e Apocalisse ora imposta il modello per un'esperienza audio completa e sensoriale. Star Wars Ben Burtt, Salvataggio di Ryan privato e Jurassic Parkè Gary Rydstrom e The Elephant Man (e collaboratore di David Lynch) Alan Splet riceve anche il trattamento integrale, con il film che suddivide esempi specifici del contributo e dell'approccio di ciascuno: registrazioni di un giovane orso incoraggiato dal cibo per Chewbacca; suono come costruzione del mondo per la sequenza di apertura altrimenti intimamente girata di Salvate il soldato Ryan, per citare solo alcuni esempi.

Making Waves-documentary-post1
Making Waves: The Art of Cinematic Sound di Midge Costin. PC: Non ho ancora sentito niente Corp.

Con questa introduzione al mondo della progettazione e del missaggio del suono digitale, la seconda parte di Fare ondate offre quindi un tuffo più profondo nella comunità del suono, ogni ruolo responsabile di un aspetto diverso della presentazione audio finale di un film. Questo Circle of Talent è suddiviso in tre sezioni: voce, effetti sonori, musica - con ruoli diversi all'interno di ciascuno. Ad esempio, come parte della sezione vocale, la sostituzione automatica del dialogo (ADR) è spiegata attraverso la famosa sequenza "non piangere nel baseball" di A League of Their Own, mentre, come parte per gli effetti sonori, CeCe Hall descrive il suo uso di ringhi di animali per Top GunRuggenti motori dell'aereo da caccia.

Fare Waves-Ai-Ling Lee
Making Waves: The Art of Cinematic Sound di Midge Costin. PC: Non ho ancora sentito niente Corp.

Niente più club per ragazzi

È in questa sezione che Costin è in grado di rappresentare il passaggio demografico dal club quasi esclusivamente maschile di Murch, Burtt e compagnia, alle donne pionieristiche e di spicco che hanno attribuito al suono cinematografico nel corso degli anni. A partire dalle meticolose modifiche audio di Barbara Streisand È nata una stella e Ragazza Divertente (dove apparentemente ha convinto il regista William Wyler a registrare musica sul set), e ha iniziato Ordinary PeopleLa squadra madre / figlia di Kay e Victoria Rose Sampson, fino in fondo La La Land e SelvaggioE 'richiesto come supervisore al montaggio sonoro Ai-Ling Lee, Costin bilancia la rappresentazione e il rispetto tra genere e disciplina.

Making Waves: The Art of Cinematic Sound è una lettera d'amore cinematografica per alcuni degli eroi più sconosciuti del cinema. Una presentazione informativa e di facile comprensione, storie penetranti di figure veramente influenti e l'uso di esempi molto amati, alimentano questo documentario in una decostruzione ponderata del "potere nascosto del suono nel cinema". Sia che tu creda che il suono sia ancora più importante dell'immagine o che stai registrando macchine fuori dal finestrino in questo momento, possiamo tutti essere d'accordo sul fatto che senza suono, e la miriade di figure dietro di esso, il cinema semplicemente non impaccherebbe il potenziale emotivo che fa .


Caro lettore. Puoi ancora leggere 3 articoli gratuiti questo mese. Per favore registrati per sottoscrizioneo accedi di seguito se ne hai uno.


Siamo dentro MODERN TIMES REVIEW ha bisogno del tuo supporto per andare avanti. Sono solo 9 euro trimestrali da leggere e avrai pieno accesso a quasi 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche - e ti invieremo le prossime riviste stampate.



perché non lasciare un commento?