CAPITALISMO: Il film forense di Carmen Lossman solleva il coperchio della grande truffa del tardo capitalismo - il debito e il giro di soldi che si sta trasformando in un disastro ecologico, sociale e finanziario.
Nick Holdsworth
Giornalista, scrittore, autore, regista ed esperto di industria cinematografica e televisiva - Europa centrale e orientale e Russia.
Data di pubblicazione: 12 marzo 2020

Chiamalo un presagio di sventura o un necessario campanello d'allarme, ma il viaggio ingegnosamente inquietante di Carmen Lossman nel cuore oscuro dell'illusione economica e monetaria è una tappa obbligata per chiunque sia alle prese con la pura follia della vita di oggi.

La crescita economica è diventata la vacca sacra del tardo postindustriale capitalismo, dove - per mescolare metafore - l'elefante nella stanza è il modo in cui il denaro viene letteralmente creato dal nulla con pochi colpi di computer di contabilità a doppia entrata quando una banca fa avanzare un prestito a un cliente sul quale si aspetta di fare un profitto.

Follia

Il genio di Lossman oeconomia consiste nel fissare in dichiarazioni semplificate, relativamente facilmente comprensibili, la pura follia del sistema costruita sulla nozione di infinita crescita economica esponenziale in un mondo finito risorse naturali.

È un argomento stimolante da dare alla luce visivamente, ma Lossman riesce a costruire un argomento avvincente costruito attorno a diagrammi computerizzati e interviste con maestri dell'universo finanziario che includono l'economista capo al Banca centrale europea, Peter Praete tra i principali dirigenti finanziari di, tra gli altri, una casa automobilistica tedesca di lusso e una società di trading obbligazionario che gestisce beni per un valore di trilioni di dollari.

Lossman stabilisce il legame intimo tra credito e debito; il modo in cui viene creato il profitto; e il potere politico esercitato dalla finanza privata che richiede profitti da paesi sempre più indebitati.

La natura segreta di così tanti all'interno di questo mondo di fumo e specchi si riflette nel numero di istituzioni a porte chiuse che mostrano Lossman. Si rifiuta di rifiutare di parlare con la telecamera facendo recitare le voci degli attori - a volte - chiamate bizzarre con persone che sicuramente dovrebbero essere in grado di rispondere a domande semplici come «da dove viene il profitto?»

Quando Praet ammette alla macchina fotografica che la banca crea semplicemente denaro elettronicamente - usando l'analogia della «stampa di denaro» - una stampa off-camera flunky cerca di protestare. Quando offre la propria interpretazione di ciò che a volte viene chiamato "quantitative easing" - Praet lo batte via, dicendogli che sta parlando senza senso. È una vittoria per il regista, dove i guardiani del potere finanziario ...


Caro lettore. Hai letto 5 articoli questo mese. Potremmo chiederti di supportare MODERN TIMES REVIEW con una corsa sottoscrizione? Sono solo 9 euro trimestrali da leggere e avrai accesso completo a quasi 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche - e ti invieremo le prossime riviste stampate.
(Puoi anche modificare la tua pagina di presentazione connessa)



perché non lasciare un commento?