ATTIVISMO: Extinction Rebellion è un movimento di protesta climatica in rapida crescita, che cerca di convertire l'amore per la natura e la rabbia per l'inazione politica in azioni collettive. Ma qual è il potenziale politico del dolore?
Anders Dunk
Dunker è un filosofo norvegese e collaboratore regolare.
Data di pubblicazione: 5 marzo 2020


Negli Stati Uniti, recentemente ho deciso di frequentare un Estinzione ribellione briefing e ha scoperto che il loro messaggio principale è in realtà fatti di base: in cifre e grafici i rappresentanti locali riassumono la nostra situazione climatica e le sinistre statistiche del cosiddetto sesta estinzione - il continuo morire di specie ed esseri sulla scia della civiltà industrializzata dell'umanità. Questo è il tipo di conoscenza che richiede una risposta. Il primo principio di Extinction Rebellion è «Dì la verità» è seguito dal secondo principio elegante e provocatorio: «Agisci come se la verità fosse reale». Con questa allusione a la negazione del clima, onnipresenti sia a livello politico che personale, affrontano direttamente i sentimenti esplosivamente conflittuali causati in ciascuno di noi dall'emergente disastro globale. Dopo tutto, i sentimenti sono ciò che deve alimentare il cambiamento necessario, al di là della conoscenza dei fatti.

Tra loro, i partecipanti a Extinction Rebellion spesso iniziano e terminano le loro comunicazioni con la frase «con amore e rabbia», che precedono anche il titolo di apertura del Ceco documentario Žal Žen - "Dolore". Nella scena iniziale del nuovo film di Andrea Culková, una madre e sua figlia sono sedute di fronte a un falò a parlare dell'ambiente e la madre parla di come va e viene il dolore, di come sia difficile persino restare con esso, forse da quando dobbiamo proteggerci. La figlia, meno moderata nelle sue reazioni, inizia a piangere quando viene a sapere degli incendi in Australia e chiede dei koala. «Non voglio che muoiano», esclama prima di esplodere con un amore frustrato per la natura che si è trasformato in dolore, rabbia e disperazione profetica: «Tutti gli animali moriranno! Anche tutti gli umani! Sarà tutto finito! » La madre sta accettando. Non c'è niente di sbagliato nel piangere sul futuro di fronte ai bambini, dice una donna nel film. Queste reazioni sono appropriate.

Rendi pubblico il tuo dolore

Sono stato sorpreso dal focus sul dolore e sul trauma all'evento Extinction Rebellion, a cui ho partecipato. Dolore è ciò che senti quando la perdita è accettata come un dato di fatto. È una specie di rassegnazione, allora? Una risposta potrebbe essere che una grande quantità di dolore è il ...


Caro lettore. Hai letto 5 articoli questo mese. Potremmo chiederti di supportare MODERN TIMES REVIEW con una corsa sottoscrizione? Sono solo 9 euro trimestrali da leggere e avrai accesso completo a quasi 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche - e ti invieremo le prossime riviste stampate.
(Puoi anche modificare la tua pagina di presentazione connessa)