IDENTITÀ: Non importa quanto ci provi, non puoi mai sfuggire al mondo
Hans Henrik Fafner
Fafner è un critico regolare in Modern Times Review.
Data di pubblicazione: 11 marzo 2020

La guerra sarà ancora qui domani! La frase è dipinta con lettere grezze su un carro abbandonato. È arrugginito e malmenato. Il suo precedente uso è un po 'poco chiaro. Probabilmente un residuo di qualche presenza militare nel paesaggio aspro.

Un uomo sta passando su una piccola moto. Si ferma a meditare. Quindi continua. Si è esiliato da Atene durante la crisi, e ora vive da solo su un'isola. Se ne andò dopo che un ragazzo fu ucciso Exarceia, l'università tecnica nella capitale greca. All'epoca continua a pensare agli slogan: «Poliziotti, maiali, assassini!» Dicembre 2008 non è stata una risposta, ma un'altra domanda. L'uomo, che si definisce Filoktitis, ora afferma di essersi lasciato alle spalle le sue dipendenze e le situazioni esplosive.

Questa è la cornice di un nuovo film dell'artista duo / regista belga Elise Florenty e Marcel Türcowsky. Sono conosciuti per il loro lavoro sperimentale e il loro ultimo sicuramente segue questa tradizione. Il film è ambientato sul Egeo isola di Lemnos dove Filoktitis si è rifugiato. Sta accovacciato nel paesaggio eroso, tenendosi per sé dopo aver partecipato al Rivolte di Atene in reazione al fusione economica of Grecia in 2008.

Narrativa greca

Si parla di crisi e morfina. La filoktitis non è sfuggita al consumo di droga, ma si muove costantemente attraverso vari allucinazioni, sperimentando diversi stati di incarnazione e disincarnazione. Lo spazio fisico è Lemnos, ma la storia del film scorre attraverso così tanti registri, dai filmati ai videogiochi, che il più delle volte è difficile dire cosa è reale e cosa è virtuale.

Sebbene abbia lasciato Atene per sfuggire alla crisi, scenari di conflitto passati e futuri lo stanno raggiungendo. La realtà a più strati è tutt'intorno a Filoktitis quando si avventura nell'isola.

Lemnos è una parte importante della narrativa greca. Quando l'eroe Ulisse was on his way to the war against Troy the passed it and set up quarter in and around a grotto in its mountain landscape. The story says that when he continued his famous travel, he left behind one of his men, Filokitis – or Philoctetes. He had been bitten on the foot by a snake, and the smell of the infection was so bad that Odysseus’ men could not be near him. But being the best man with a bow and an arrow, Odysseus knew that he could not win the war without Filoktitis, so ten years later he came to pick him up.

Although he left Athens in order to escape the crisis, past and future scenarios of conflict are catching up with him.

In modern times, Lemnos was home to a large Greek army base that was later abandoned. This is where Filoktitis roams on his small motorbike. He calls the island «the Siberia of Greece», a desolated space that is part of reality and at the same time seemingly cut off from everything.

Lemnos also gained fame as the setting of the open-world, military tactical video game ARMA 3. It is a single-player game where one US Army soldier is facing a number of different missions against an unseen and mighty enemy. The actions are going on in a future where the global strategic setup has changed radically. NATO is badly battered and on retreat while the new military powerhouse is coming from somewhere in South East Asia.

In the very real world of September 2012, Greek police arrested two Czechs on Lemnos. They were charged with espionage because they were recording videos of the abandoned army camp. According to Greek law, taking photographs of army installations is a matter of national security, and the two transgressors were held in custody for 128 days. Only later did the authorities admit that the two were not spies, but employees of Bohemia Interactive, the developer of the video game. They were just researching in the abandoned barracks of Lemnos and posed no security risk whatsoever.

Back to 2069-Athens Riots-documentary-post
Back to 2069, a film by Elise Florenty & Marcel Türkowsky

Doc-fiction hybrid

This mixed bag of real and virtual realities is constantly hovering around Filoktitis. The underlying question is whether you are able to escape the world by exiling yourself to Lemnos, or to Siberia for that matter. Filoktitis changes shape all the time, from argonaut to avatar and back again. The soldiers in the video game are crying for morphine to ease the pain of their wounded comrades, and that only adds to the delirium that follows the story all the way. Who and what is real, and what is not? The war keeps coming back – be it the Athens riots, the virtual struggle against The East Wind, the Asian hordes attacking virtual Lemnos, or the Greek authorities’ attempt to protect a non-existing military secret against imagined spies.

Florenty and Türcowsky weave a fascinating doc-fiction hybrid. It captures the core of what it is like to exist in a secluded space, where one can either fold into the surrounding history or step into technological realms. That is the reality. Never mind how dedicated you are, you can never fully exit the world because the world will always catch up with you.

‘Back to 2069’ screens at 2020 Cinéma du réel


Caro lettore. Puoi ancora leggere 3 articoli gratuiti questo mese. Per favore registrati per sottoscrizioneo accedi di seguito se ne hai uno.


Siamo dentro MODERN TIMES REVIEW ha bisogno del tuo supporto per andare avanti. Sono solo 9 euro trimestrali da leggere e avrai pieno accesso a quasi 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche - e ti invieremo le prossime riviste stampate.



perché non lasciare un commento?