Più

    L'ascesa, la caduta e l'ascesa dell'emittente russa dallo spirito libero

    GIORNALISMO: La storia dell'ultima emittente televisiva nazionale indipendente russa.

    TV Dozhd – che significa 'Pioggia' in russo – è un fenomeno in Putin's Russia. L'ultimo telegiornale nazionale indipendente sopravvissuto (c'è anche un ardito sopravvissuto regionale, TV2 a Tomsk, in Siberia) rimane in onda come canale YouTube più di un decennio dopo il suo lancio, come un progetto brillante, ottimista e un po' ingenuo di una donna di 35 anni ricca e viziata, Natasha Sindeeva.

    Né TV Dozhd né Natasha sono oggi gli stessi personaggi di allora, quando sulla scia di un decennio di un'economia russa in forte espansione e di nuove speranze proiettate sull'allora presidente Dmitry Medvedev, l'ottimismo per il futuro era la cosa importante.

    F@ck This Job, un film di Vera Krichevskaya
    F@ck This Job, un film di Vera Krichevskaya

    «Agente estero»

    Oggi, con Putin tornato al potere forse per tutta la vita a seguito dei controversi cambiamenti nel 2020 alla Costituzione del paese, numerose battute d'arresto e la sua recente etichettatura ufficiale come "agente straniero", TV Dozhd è più vecchio, più saggio e più ottimista su ciò che riserva il futuro in Russia. Sindeeva, che compirà 65 anni quando l'attuale possibile mandato di Putin scadrà nel 2036 (quando, se sarà ancora vivo, sarà al potere più a lungo di Stalin o di Caterina la Grande), è anche più vecchio e più saggio. Può ancora vedere la vita come un ballo – continuando le lezioni di tango anche durante il suo trattamento l'anno scorso per il cancro al seno in Germania – ma il suo impegno per la sua stazione televisiva dei sogni attraverso alti e bassi le è costato il suo matrimonio con un ricco banchiere Sasha Vinokurov e tolse l'innocenza e l'ingenuità dalla sua visione del mondo un tempo rosea.

    Per quelli di noi che hanno vissuto e lavorato in Russia negli anni di Dozhd TV (e anche molto prima), questo è un film che testimonia la nostra stessa vita. Altri, con un rapporto più distante con la Russia, potrebbero trovare più difficile seguire la cronologia completa e dettagliata di Vera Krichevskaya di Dozhd TV. . .

    Caro lettore. Per continuare a leggere, crea il tuo account gratuito con la tua email,
    or accesso se sei già registrato (fare clic su password dimenticata, se non in una nostra e-mail).
    A sottoscrizione costa solo 9€ 🙂

    Nick Holdsworthhttp://nickholdsworth.net/
    Il nostro critico regolare. Giornalista, scrittore, autore. Lavora principalmente dall'Europa centrale e orientale e dalla Russia.
    Il 24° Festival del documentario di Salonicco annuncia le attività di Agora Docs e le scadenze per la presentazioneAgora Docs torna per il prossimo 24° Festival del documentario di Salonicco, che si terrà dal 10 al 20 marzo 2022. #Agora Docs# stesso...
    IDFA 2021: i vincitori completiLa 34a edizione #IDFA ha annunciato i vincitori dei programmi del concorso durante la cerimonia di premiazione IDFA 2021. La cerimonia...
    ChileDoc scende su IDFA con una selezione diversificata di produzioni cileneIl 34° Festival Internazionale del Documentario di Amsterdam prende il via dal 17 al 28 novembre 2021. Con l'industria mondiale del documentario...
    CONFLITTO: La nostra memoria ci appartiene (regia: Rami Farah)Come si sopravvive in tempo di guerra? Dimenticando o ricordando...?
    AMBIENTE: Medusa (regia: Chloé Malcotti)Come le attività chimiche belghe hanno portato prosperità e inquinamento in un villaggio costiero italiano.
    GIUSTIZIA: Giudici sotto pressione (regia: Kacper Lisowski)L'incubo populista della Polonia visto attraverso la pressione senza precedenti dei giudici è ora sottoposto a uno stato dell'UE che sta rapidamente diventando un paria.
    BEIRUT: Polpo (regia: Karim Kassem)L'immobilità e la rinascita costituiscono una premurosa testimonianza delle conseguenze della potente esplosione di Beirut.
    CONFLITTO: Oscurità lì e niente di più (regia: Tea Tupajic)La ricerca di risposte di una donna bosniaca in un teatro buio.
    CINEMA: La storia della guerra civile (regia: Dziga Vertov)Pensato perduto per sempre, l'archivio del 1921 sulla guerra civile russa di Dziga Vertov debutta finalmente al pubblico 100 anni dopo.
    - Annuncio pubblicitario -

    Ti potrebbe piacere ancheRELATIVA
    Consigliato a te

    X