ULLA JACOBSEN lo ha intervistato sulla sua visione del cinema documentario e del suo ultimo film "Amerasians".

Amerasians è il nome di un gruppo molto particolare di persone: i figli di soldati americani e madri vietnamite dopo la guerra del Vietnam. Dal 1988 a questo gruppo di persone è stato permesso di emigrare negli Stati Uniti. Circa 38,000 su 100,000 sono stati reinsediati negli Stati Uniti.

Il regista svedese Erik Gandini ha rintracciato alcune di queste persone nel suo nuovo documentario intitolato "Amerasians", che include coloro che si sono già stabiliti negli Stati Uniti e altri che segue appena prima di lasciare il Vietnam e di nuovo quando arrivano nel loro nuovo paese.

Le vite degli Amerasiani sono interessanti perché in Vietnam erano sempre emarginati poiché avevano un aspetto diverso, e per di più ricordavano al popolo vietnamita la guerra. Di conseguenza hanno ricevuto l'istruzione più bassa e i lavori più poveri. Poi improvvisamente una legge del 1988 li ha trasformati in una miniera d'oro dando loro la possibilità di andare negli Stati Uniti a vivere e lavorare. Una grande occasione per chi vive in un paese povero come il Vietnam, ma. . .

Caro lettore. Per continuare a leggere, crea il tuo account gratuito con la tua email,
or accesso se sei già registrato (fare clic su password dimenticata, se non in una nostra e-mail).
A sottoscrizione costa solo 9€ 🙂