CINEMA: Riflettendo sul destino dell'arte e sul significato dell'esistenza, Andrey Tarkovsky racconta la storia della sua vita e del suo lavoro.
Carmen Gray
Critico cinematografico freelance e collaboratore regolare di Modern Times Review.
Data di pubblicazione: 11 novembre 2019

«Non conosco un paese con tante persone di talento come la Russia. Ma sta accadendo qualcosa che potrebbe distruggere la cultura, cioè la possibilità fisica di lavorare. »Questa osservazione, ascoltata nel documentario Andrey Tarkovsky. Una preghiera al cinema , colpisce uno come perennemente rilevante. Potrebbe facilmente applicarsi alla scena creativa della Russia sotto PutinIl regime odierno, che ha recentemente visto un giro di vite su rapper e artisti pop visti da settori più conservatori della società come un'influenza corruttiva sulla gioventù. Ma è venuto, in effetti, dalla bocca di Andrey Tarkovsky, poiché la successione di Breznev nel 1964 pose fine al disgelo della rilassata censura di Kruschev e tempi difficili per gli artisti. Ampiamente considerato uno dei più grandi registi russi - in effetti, uno dei migliori cinema che abbia mai conosciuto - Tarkovsky ha prodotto solo sette lungometraggi nel corso di una carriera decennale, tra la pressione incessante delle autorità sovietiche di compromettere la sua visione personale. Le sue parole indicano il paradosso (o semplicemente la grande tragedia) di una nazione che ha dato vita a geni del calibro di Fyodor Dostoevsky e Kazimir Malevich, nato in Ucraina, ma li ha fatti pagare per il loro potere, soffocando l'espressione di chiunque fosse fuori passo con ideologia statale.

Andrey Tarkovsky. Una preghiera al cinema è stato realizzato dal figlio di Tarkovsky, Andrey A. Tarkovsky. Permette a suo padre di commentare il suo approccio al cinema e la sua concezione dell'artista interamente nelle sue stesse parole, raccogliendo registrazioni insieme a filmati d'archivio di lui sul set e clip dai suoi capolavori. Come tributo, è chiaramente un lavoro d'amore molto personale, ma ciò non gli impedisce di avere preoccupazioni più ampie da trasmettere, nella forma dei principi che significano tutto per il regista ed erano la chiave per la sua immagine di tale autenticità.

Andrey Tarkovsky-post1 Andrey Tarkovsky. A Cinema Prayer, un film di Andrei Andreyevich ...


Caro lettore. Hai letto 5 articoli questo mese. Potremmo chiederti di supportare MODERN TIMES REVIEW con una corsa sottoscrizione? Sono solo 9 euro trimestrali da leggere e avrai accesso completo a quasi 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche - e ti invieremo le prossime riviste stampate.
(Puoi anche modificare la tua pagina di presentazione connessa)



perché non lasciare un commento?