Bianca è giornalista freelance e critica documentarista. Collabora regolarmente con la Modern Times Review.
L'immigrazione e i ricordi di casa sono i due temi principali dell'edizione di quest'anno del Festival Internazionale del Documentario di Jihlava, afferma il programmatore del festival Andrea Slovakova.

(Tradotto da Inglese di Google Gtranslate)

1. Qual è il focus dell'edizione di quest'anno?

Andrea Slovakova

«Una delle caratteristiche del festival di quest'anno è il concetto visivo collegato all'argomento memoria e la connessione della memoria con l'immigrazione e la casa. Quest'anno segna il 100th anniversario della prima Repubblica cecoslovacca, e vogliamo riflettere su questi 100 anni che sono trascorsi, facendo anche una dichiarazione forte sugli atteggiamenti di oggi. »

«L'atteggiamento nei confronti dell'immigrazione è uno dei grandi temi in questo momento e vogliamo dimostrare che ad un certo punto della nostra storia anche le persone della Cecoslovacchia stavano emigrando. Una delle nostre sezioni si chiama "Stranger è alla ricerca di un appartamento", ed è dedicato alle storie di persone dell'ex Cecoslovacchia emigrate negli ultimi 100 anni.»

«Abbiamo raccolto diversi documentari e materiale mediatico di questi immigrati cechi che arrivano in diversi paesi. Le loro storie e il loro adattamento al loro nuovo ambiente sono al centro di questa sezione. Questo è anche collegato alla retrospettiva di quest'anno, che è dedicata al concetto di home. Stiamo osservando come questo concetto è cambiato dall'inizio degli anni '20thDal secolo ad oggi nel cinema d'avanguardia. »

  1. Cos'altro c'è di nuovo quest'anno?

«Abbiamo un focus territoriale sul Libano, poiché abbiamo scoperto che il cinema sta fiorendo in questo Paese. I film che abbiamo scelto raccontano storie molto forti, con una forte presa di posizione sui problemi sociali e politici. I realizzatori stanno utilizzando diverse strategie ibride ed estetiche per costruire film saggistici. »

«I titoli includono quello di Selim Mourad Sindone, Di Orwa Al Mokdad Risurrezione e quello di Ghassan Halwani Cancellato, __ L'ascesa dell'invisibile.

«Gli autori non limitano i loro argomenti al proprio contesto nazionale, ma trovano collegamenti a luoghi diversi.»

Quest'anno abbiamo anche un vasto programma di film e installazioni in VR. »

«Infine, abbiamo una piccola sezione molto speciale chiamata 'Ruthenia'. Questa era la regione più orientale della Cecoslovacchia ed è ora divisa tra Ucraina, Polonia e Ungheria. Era un posto unico, con persone greco-cattoliche che parlavano la lingua ucraina, russa o rutena. La regione era principalmente agricola, ma politicamente era considerata molto importante e i realizzatori hanno girato diversi film lì per la sua bellissima natura selvaggia.

«Per questa sezione abbiamo raccolto film del periodo della prima Repubblica Cecoslovacca che riflettono la vita e le condizioni sociali di quel tempo.»

  1. Come è cambiato il panorama del documentario nell'ultimo decennio?

«Vedo un cambio di direzione verso film più ibridi - film che mescolano strategie diverse da parti diverse del cinema. Ovviamente non è del tutto nuovo. Anche Nanook of the North (1922) - che è il primo lungometraggio documentario - è in parte una ricostruzione e in parte messo in scena. Ma il numero di film che lo fanno oggi è incomparabile con qualsiasi altro periodo del cinema documentario ».

«Infine, la quantità di film di coproduzione è in aumento - soprattutto in Europa - e questo influisce sulla quantità di ricerca dietro a un film (…) gli autori non limitano i loro argomenti al proprio contesto nazionale, ma trovano connessioni a luoghi diversi».

Slovakova è un regista e un editore. Snel 2008 insegna storia e metodi nel cinema documentario e d'avanguardia all'università Masaryk di Brno.

 

 

Grazie per aver letto. Hai letto 16447 recensioni e articoli (oltre alle notizie del settore), quindi potremmo chiederti di prendere in considerazione un sottoscrizione? Per 9 euro, ci sosterrai, avrai accesso a tutte le nostre riviste cartacee online e future - e otterrai la tua pagina del profilo (regista, produttore, festival ...) agli articoli collegati. Ricorda anche che puoi seguirci Facebook o con il nostro newsletter.