SIRIA: Un doloroso documentario infuso con l'alito occasionale di poesia e bellezza di Aleppo.
Dieter Wieczorek
Dieter Wieczorek
Wieczorek è critico cinematografico e collaboratore regolare di Modern Times Review.
Data di pubblicazione: 30 maggio 2019

Un documentario di solito si rivolge a un pubblico mondiale, ma in rari casi può essere semplicemente una lettera scritta a una persona specifica. Waad al-Kateab ed Edward Watts hanno deciso di scegliere la seconda opzione come modulo per il loro lavoro. I commenti di Waad al-Kateab sono tutti rivolti alla figlia neonata Sama, che ovviamente è anche un simbolo della prossima generazione e di un futuro nel loro paese. Contemporaneamente, Per Sama fa conoscere a tutti la realtà dietro il sipario delle informazioni ufficiali dei media: attacchi continui Aleppo, portando infine alla distruzione totale di parti della città. A livello personale, viene evocata la questione della responsabilità, anche della colpa, riguardo alla decisione di Waad al-Kateab di stare al fianco di suo marito, uno degli ultimi medici e chirurghi a resistere e lavorare ancora.

contrasti

Il film è generalmente cronologico ma integra anche flashback degli anni passati, momenti ancora caratterizzati da speranza ed eccitazione per il futuro. I forti contrasti tra i diversi periodi di tempo consentono allo spettatore di percepire in quanto tempo breve ...


Caro lettore. Hai già letto una recensione gratuita / leggi un articolo oggi (ma tutte le notizie del settore sono gratuite), quindi torna domani o effettua il login se sei un abbonato? Per 9 euro, avrai pieno accesso a circa 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche e riceverai le prossime riviste stampate.

Accedi