Un nuovo secolo di guerra

CINEMA: Pensato perduto per sempre, l'archivio del 1921 della guerra civile russa di Dziga Vertov debutta finalmente al pubblico 100 anni dopo.

Per guardare Dziga Vertov's La storia della guerra civile a cento anni dalla sua realizzazione resta colpito da quanto il secolo abbia trasformato la rappresentazione dei conflitti armati e delle dispute territoriali. Siamo colpiti dalla vastità insormontabile della Russia, che si poteva ancora intravedere solo a tratti. Sentiamo la frammentazione e il caos che accompagna gli sforzi per affermare il dominio ideologico e l'omogeneità su distanze impossibili. È riconoscere di nuovo, in altre parole, quanto fosse non mediato il mondo, in un'era pre-internet, prima che un'illusione di intima accessibilità e conoscibilità riducesse virtualmente il globo. Opera di propaganda appassionata e impenitente, mostra la lotta dei bolscevichi per annullare gli sforzi di Guardia Bianca controrivoluzionari, o «agenti del capitale», come vengono chiamati nei didascalie, in violenti sacche di combattimenti nelle vaste distese dell'ex impero durante la guerra civile russa che seguì il rovesciamento della monarchia nel 1917.

La storia della guerra civile, un film di Dziga Vertov
La storia della guerra civile, un film di Dziga Vertov

Non ho più perso

Si è creduto a lungo che questo silenzioso. . .

Caro lettore. Per continuare a leggere, crea il tuo account gratuito con la tua email,
or accesso se sei già registrato (fare clic su password dimenticata, se non in una nostra e-mail).
A sottoscrizione costa solo 9€ 🙂

CARO LETTORE.
Che dire di a sottoscrizione, per l'accesso completo e 2-3 copie cartacee nella tua posta all'anno?
(Modern Times Review è un'organizzazione senza scopo di lucro e apprezzo molto questo supporto da parte dei nostri lettori.) 

Carmen Gray
Critico cinematografico freelance e collaboratore regolare di Modern Times Review.
Annunciati la giuria del documentario della Berlinale e il programma completo del concorsoLa #Berlinale è da tempo impegnata nella diversità delle forme documentarie. Un distinto premio per il miglior documentario...
Cinéma du réel mette in luce la nuova ondata di documentari africani con focus 2022Dieudo Hamadi è stato selezionato sia a #Berlinale che a #Cannes; #Hassen Ferhani# è stato premiato a #Locarno. Questi sono solo due...
Laura Huertas Millán si unisce al team di tutoraggio della 7a piattaforma di previsione; bando per progetti ora apertoOgni anno, le menti creative che lavorano in varie discipline sono invitate a presentare proposte di progetto tramite la #Forecast Platform# di Berlino incentrata sull'interdisciplinarietà...
DIRITTI: Abbiamo bisogno di spazio (Taglio del regista 2022) (regia: Simon White)Con la legge sulla polizia, sul crimine, sulle sentenze e sui tribunali che si sta facendo strada in parlamento, il diritto della Gran Bretagna di protestare e riunirsi liberamente continua a essere attaccato.
CINA: Cina: il dramma uiguro (regia: François Reinhardt)Genocidio con qualsiasi altro nome: la campagna del presidente Xi Jinping per sradicare gli uiguri musulmani dalla Cina occidentale.
DEBITO: Lavoro in banca (regia: Dan Edelstyn, …)Un brillante, ma serio, capriccio comico con tutto lo stile e il brio di Il lavoro italiano – e il cuore e l'anima dei migliori attivisti sociali britannici.
LAVORO: All-in (dir: Volkan Uce)Un nuovo mondo di bikini colorati e richieste intense si apre a due giovani timidi che lavorano in un hotel all-inclusive sulla riviera turca.
IDENTITÀ: Travesti Odissea (regia: Nicolas Videla)Intrecciati a giorni di proteste, gli ultimi giorni del cabaret radicale cileno Travesía Travesti mostrano quanto sia importante che la comunità trans si alzi per raccontare le proprie storie.
BEIRUT: Beirut: Occhio del ciclone (regia: Mai Masri)Quattro donne progressiste documentano le rivolte di Beirut del 2019, fino all'arrivo del Covid-19.
- Annuncio pubblicitario -

Ti potrebbe piacere ancheRELATIVA
Consigliato a te

X