Una vita nel cinema

IDFA: Cosa possiamo dire della scelta IDFA del 2019 di Jørgen Leth (82) e Patricio Guzmán (78) rispettivamente per il "Premio alla carriera" e "Ospite d'onore"?
Truls Lie
Editor-in-chief, Modern Times Review
Data di pubblicazione: 5 novembre 2019
Leth-Guzman-optional

Entrambi Leth e Guzmán ha alle spalle un'intera vita nel girare documentari, ma non nel normale tipo di documenti. In genere entrambi utilizzano il modo più o meno saggio di fare film. I film di Leth, come L'essere umano perfetto (1968) La vita in Danimarca (1972) e i due Scene dall'America (1982/2002), sono costituiti da brevi scene che riflettono su chi siamo, le nostre identità e le situazioni personali fragili. I film di Guzmán, come La battaglia del Cile (1975-79) o anche di più nell'ultimo decennio con Nostalgia per la luce (2010) Bottom Pearl (2015) o La Cordigliera dei sogni (2019), gioca sulle riflessioni che possono essere fatte da film tematici, uso di scene indirette, mondi paralleli, miti e ricordi.

Entrambi questi registi di lunga data scavano nella presa critica o intellettuale della realtà? Sì. Ma direi, soprattutto dopo aver fatto un documento su Leth nel 2008-11 [Vedi

“> The Seduced Human], che si avvicina al mondo principalmente con una prospettiva estetica e personale. Al contrario, Guzmán si avvicina al mondo con uno etico e sociale. Come Leth mi ha detto in un'intervista molto tempo fa, non era assolutamente interessato a salvare alcune anime, a rendere le persone più sagge o a dire loro come vivere la propria vita. Tuttavia, entrambi seguono un percorso esistenziale di questioni che sono fondamentali per ognuno di noi. Politico Haiti, dove Leth ha vissuto per decenni, è più lo sfondo - mentre Guzmán fa Cile, dove è cresciuto ma si è imbattuto in esilio, in primo piano.

Jörgen Leth-MTR
Jörgen Leth

Sebbene alcuni dei film di Leth su Haiti toccino questioni politiche e brutali della società, riguardano principalmente situazioni personali, sensuali, messe in scena o interpretate. Come il suo Il corrispondente straniero (1983), in realtà un film di finzione, che fa appello alla vita esistenziale di un giornalista più anziano che ha visto tutto e poi perso lo scopo della vita. Il …


Caro lettore. Hai letto 5 articoli questo mese. Potremmo chiederti di supportare MODERN TIMES REVIEW con una corsa sottoscrizione? Sono solo 9 euro trimestrali da leggere e avrai accesso completo a quasi 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche - e ti invieremo le prossime riviste stampate.
(Puoi anche modificare la tua pagina di presentazione connessa)



perché non lasciare un commento?