FEMINISIM: Un tempo modella iconica, ora femminista radicale, Benedetta Barzini e figlio si scontrano per catturare la sua immagine duratura di liberazione.
Soldati Astra
Zoldnere è un regista lettone, curatore e pubblicista. Lei contribuisce regolarmente a Modern Times Review.
Data di pubblicazione: 31 luglio 2019

La scomparsa di mia madre è una storia di relazione intrigante, uno scontro tra due individui e visioni del mondo. Affascinato dalle immagini, il fotografo Beniamino Barrese ha cercato di girare un film su sua madre, Benedetta Barzini, mentre l'ex modella fa del suo meglio per evitare le riprese. «F ** k off», - dice alla telecamera. Una volta una dea dell'industria dell'immagine, ora è la sua critica più dura.

Il personale è pubblico

Questa storia di famiglia privata apre una discussione pubblica sul significato delle immagini nella società contemporanea. Come ricerca autoethnografica, La scomparsa di mia madre collega la biografia di Barrese con un più ampio contesto culturale e sociopolitico. Scrive che sua madre non gli ha mai detto di essere una modella. Scoprì il suo portfolio per caso e fu sorpreso di vederla sulle copertine di Vogue e Harper's Bazaar. Negli anni '60 andava in giro con artisti del calibro di Andy Warhol e Richard Avedon. Incuriosito dalla combinazione delle due immagini disconnesse di sua madre, Berrese ha iniziato il suo progetto: un documentario sull'amore e l'odio per immagini, immagini e film.

Una prospettiva femminista

Che cosa è successo a Benedetta Barzini? Bene, è diventata una femminista. Ora, la conosciamo come una donna anziana che insegna agli studenti di moda una prospettiva critica. Benedetta mostra loro foto di belle ragazze coperte di foglie e altri oggetti della natura. Pone una domanda: cosa rappresentano queste immagini? Mentre gli studenti rimangono all'oscuro, lei stessa fornisce la risposta. Le immagini vendono la terribile idea che la donna rappresenti la natura, mentre l'uomo rappresenta la ragione e il pensiero. Continua ad attaccare l'industria della moda e i suoi meccanismi di sfruttamento attraverso i quali gli uomini modellano l'immagine delle donne.

disappearance_mother_post1
The Disappearance of My Mother, un film di Beniamino Barrese

Barzini non è l'unica icona di bellezza degli anni '60 che è stata attivamente coinvolta nel movimento del femminismo di seconda ondata. La Berlinale di quest'anno ha proiettato il documentario di Callisto McNulty Delphine e Carole. Quel film ritrae il ...


Caro lettore. Hai letto 5 articoli questo mese. Potremmo chiederti di supportare MODERN TIMES REVIEW con una corsa sottoscrizione? Sono solo 9 euro trimestrali da leggere e avrai accesso completo a quasi 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche - e ti invieremo le prossime riviste stampate.
(Puoi anche modificare la tua pagina di presentazione connessa)



perché non lasciare un commento?