Informazioni

    5 documentari con occhielli che puoi guardare ovunque


    (Tradotto da Inglese di Google Gtranslate)

    Mentre ci muoviamo verso i giorni da cani dell'estate con ondate di calore che avvolgono virtualmente il mondo intero, ci sono pochi momenti migliori per sedersi con un documentario di qualità. Con così tante scelte (e piattaforme), ci rivolgiamo a uno dei nostri preferiti, occhiello, per vedere cosa c'è in offerta intorno agli argomenti Modern Times Review è interessato a (#sorveglianza, capitalismo, militarismo, senza preoccupazioni , eccetera.). Qui abbiamo trovato cinque documentari sugli occhielli di qualità che rientrano in quella linea e sono disponibili praticamente in tutto il mondo. Dai un'occhiata qui sotto!

    Buon Inverno


    Regia: Giovanni Totaro/Italia/2017
    Ogni estate su Spiaggia di Mondello in Palermo, vengono erette più di mille cabine per ospitare altrettanti gruppi di bagnanti che vi trascorreranno la stagione. Per queste persone, le «capanne» sono l'ambiente perfetto in cui nascondersi dietro il ricordo di uno status sociale che il crisi finanziaria degli ultimi anni ha minato.

    Profondità due


    Regia: Ognjen Glavonic/Serbia/2018
    Mentre NATO stava bombardando Jugoslavia nel 1999, un camion contenente 53 cadaveri si tuffò nel into Danubio vicino al confine con Romania senza effettuare accertamenti. In precedenza, in Kosovo, la polizia serba raduna gli abitanti del villaggio, una donna vive cose terribili e i corpi scompaiono in remote fosse comuni.

    Alla ricerca di Eva


    Regia: Pia Hellenthal/Germania/2019
    Una giovane donna, cresciuta nell'età del Internet trasforma la ricerca di se stessi in uno spettacolo pubblico. Attraverso le sue personalità frammentate si vede emergere una nuova generazione, in cui il concetto di identità fissa è invecchiato.

    Sparare alla mafia


    Regia: Kim Longinotto/Irlanda, USA/2019
    Documentando il barbaro dominio di Cosa Nostra, Letizia Battaglia ha testimoniato incrollabilmente i loro crimini. Le sue fotografie, la sua arte e il suo coraggio hanno contribuito a porre fine a uno scioccante regno di massacri.

    Lo Stato contro Mandela e gli altri


    Regia: Nicolas Champeaux/Francia/2018
    In Sudafrica, 11 luglio 1963, alcuni membri dell'African National Congress vengono arrestati a Rivonia, una casa di campagna nei pressi di Johannesburg. I detenuti, insieme a Nelson Mandela, imprigionati dal 1962, sono accusati di gravi reati per il loro attivismo radicale contro il regime dell'apartheid

    Modern Times Review
    Le novità del settore sono fatte da noi. Contatto Steve Rickinson.
    Annunciati tutor e programma aperto per la seconda sessione di Ex Oriente Film 2021Organizzato dall'Institute of Documentary Film in collaborazione con #FAMU, il workshop della seconda sessione Ex Oriente Film 2021...
    Ji.hlava IDFF festeggia 25 anni con l'annuncio del programma completoIl 25esimo Ji.hlava IDFF prende il via tra due settimane e celebra un quarto di secolo. Trecento film, compreso l'ultimo ceco...
    IDFA annuncia 62 progetti selezionati per il mercato di cofinanziamento/coproduzione del Forum IDFA 2021IDFA ha annunciato i 62 progetti documentari selezionati per IDFA Forum 2021. Celebrando la sua 29a edizione quest'anno da...
    NATURA: Dal mare selvaggio (regia: Robin Petré)Il rapporto tra uomo e animali degli oceani minacciato dai cambiamenti climatici e da tempeste violente sempre più frequenti.
    SCHIAVITÙ: Diciamo Rivoluzione (regia: Elisabeth Perceval, …)Eterne storie umane di sofferenza raccontate come un viaggio sciamanico.
    MEDIA: Canzoni in bottiglia 1-4 (regia: Chloé Galibert-Laîné, …)Terrorismo, cinema e propaganda: come l'ISIS ha adottato i mezzi occidentali per raggiungere un pubblico internazionale.
    URBANIZZAZIONE: Nest (regia: Josefina Pérez-Garcia, …)Mentre gli esseri umani trasformano incessantemente i paesaggi in base alle loro esigenze, sorge la domanda: è possibile una coesistenza pacifica con altre specie?
    GIORNALISMO: F @ ck questo lavoro (regia: Vera Krichevskaja)La storia dell'ultima emittente televisiva nazionale indipendente russa.
    INVECCHIAMENTO: Le temps perdu (regia: Maria Alvarez)Che cosa può raccontarci un gruppo di pensionati impegnati in piacevoli ore a leggere Proust sul mondo in cui viviamo oggi?
    - Annuncio pubblicitario -

    Ti potrebbe piacere ancheRELATIVA
    Consigliato a te

    X