DIGITALIZZAZIONE: Futures sul cinema è sia un addio poetico a un mezzo che scompare sia un'analisi complessa degli aspetti misti della rivoluzione digitale.
Soldati Astra
Zoldnere è un regista lettone, curatore e pubblicista. Lei contribuisce regolarmente a Modern Times Review.
Data di pubblicazione: 17 agosto 2018
Paese: Austria | India | Norvegia | Stati Uniti d'America


Il regista austriaco Michael Palm parla con vari esperti di cinema tra cui le superstar del cinema Martin Scorsese, Christopher Nolan ed Apichatpong Weerasethakul cercando di capire cosa significhi un cambiamento tecnologico per l'arte del cinema e la nostra società.

Digitalizzazione redditizia

Film industria dovrebbe essere considerato nel contesto del boom tecnologico di oggi. Tutto diventa più piccolo, più efficace e meno personale. Migliaia di persone che lavorano nella produzione e lavorazione di film analogici hanno perso il lavoro. Lo stesso è previsto non solo per conducenti, cassieri e agricoltori, ma anche per medici, commercialisti, avvocati, giornalisti, insegnanti e centinaia di altri professionisti.

La forza trainante dietro rivoluzione digitale è profitto. Il film è costoso non solo da girare ma anche da distribuire nell'ambiente cinematografico multiplex. Nella prima settimana di uscita del film, i multiplex richiedono circa 3000 - 4000 copie. Più tardi la maggior parte di queste strisce di pellicola può essere gettata in un bidone della spazzatura.

Ora Kodak è l'ultimo dinosauro rimasto a produrre film analogici. La società può permettersi di farlo perché ci sono ancora alcune vecchie superstar come Steven Spielberg ed Christopher Nolan che apprezzano la presenza fisica del materiale cinematografico. Anche se Kodak ha promesso di andare avanti, nessuno sa per quanto tempo rimarrà finanziariamente redditizio per l'azienda per produrre film. E anche Spielberg e Nolan devono digitalizzare i loro film dopo le riprese, poiché la maggior parte dei cinema non è in grado di proiettare film analogici. Non ci sono più proiettori cinematografici prodotti e quelli ancora in esecuzione non dureranno per sempre.

Immaginare una realtà falsa

Di recente mi è stato chiesto di scattare una foto di una donna di mezza età. Mi ha dato istruzioni molto dettagliate sull'angolazione di cui fotografarla in modo che le sue rughe e il doppio mento fossero meno visibili. La donna è un epitome della nostra società, che odia invecchiare.

La donna stava ancora pensando in modi analoghi a imbrogliare la realtà. Ora viviamo in un'epoca in cui la maggior parte delle immagini pubbliche sono digitalmente ...


Caro lettore. Hai letto 5 articoli questo mese. Potremmo chiederti di supportare MODERN TIMES REVIEW con una corsa sottoscrizione? Sono solo 9 euro trimestrali da leggere e avrai accesso completo a quasi 2000 articoli, tutte le nostre riviste elettroniche - e ti invieremo le prossime riviste stampate.
(Puoi anche modificare la tua pagina di presentazione connessa)